Roma, Friedkin cerca una figura forte per la nuova dirigenza! C'è però il rifiuto di 2 ex pilastri

Omar Abo Arab

Sono ore d'attesa quelle che sta vivendo la Roma, pronta a passare di mano da James Pallotta al gruppo guidato Dan Friedkin. Il titolo giallorosso, in Borsa, è in fermento, segnale di una trattativa che sta vivendo le sue battute finali.

Francesco Totti


Il "signing", cioè la formalizzazione del contratto preliminare di vendita, avverrà a strettissimo giro di posta, come confermato da tutte le parti coinvolte nella trattativa. Per parlare di Dan Friedkin come nuovo proprietario della Roma bisognerà però attendere almeno aprile, quando a Houston verranno firmati i contratti, 12, relativi alla galassia delle società che ruotano intorno al club giallorosso, che precederà l'Opa sulle azioni rimaste sul mercato.


Il gruppo Friedkin, però, è già al lavoro per la dirigenza del futuro. Come rivela l'edizione del Corriere dello Sport è stata chiesta una relazione dettagliata a Marc Watts, braccio destro di Dan Friedkin: ma ciò che è sicuro è che la nuova proprietà vorrà un nome pesante e di forte impatto mediatico nel nuovo gruppo di controllo della Roma. La figura ideale sarebbe Francesco Totti, che ha già lasciato polemicamente il club capitolino lo scorso giugno, ma l'ex capitano ha già ribadito che non tornerà sui suoi passi, neanche con un una nuova proprietà. Stesso discorso per ​Daniele De Rossi, che tornerà sì alla Roma, ma più avanti e in veste di tecnico delle giovanili.


In definitiva Friedkin vorrebbe una figura dirigenziale come quella ricoperta da Pavel Nedved alla Juventus. Tutta la dirigenza lo sa, oltre ad attendere l'arrivo del figlio di Dan Friedkin, Ryan, che entrerà sul ponte di comando della Roma.

Segui 90min su Facebook, Instagram e Telegram per restare aggiornato sulle ultime news dal mondo della Roma e della Serie A!