Roma, Grassi (RsR): Raggi tre anni in ritardo su poteri Capitale

Sis

Roma, 10 ott. (askanews) - "Negli ultimi anni abbiamo assistito alla messa in scena di diversi tavoli di confronto per il rilancio economico e sociale della Capitale. Tutte iniziative nate sotto elezioni o all'insediamento di nuovi Governi che promettono senza poi mantenere gli impegni. Ecco perché viene da chiedersi cosa abbia fatto la sindaca Raggi in tre anni e il M5S che è al governo nazionale, se non evitare il confronto e l'ascolto con realtà come Roma Sceglie Roma che questo progetto per rilanciare la città lo hanno pronto da tempo". Lo afferma in una nota Raimondo Grassi, presidente del movimento civico Roma sceglie Roma.

"Roma Sceglie Roma da oltre tre anni, insieme a illustri giuristi, comitati civici e associazioni è al lavoro per delineare l'unica strada possibile in grado di rilanciare immediatamente l'economia e creare nuovi posti di lavoro per Roma: la legge speciale, attraverso un decreto legge snello, è l'unico strumento che può rimettere in piedi una città in cui i servizi sono scadenti, il commercio è in crisi, non si aprono più cantieri e ogni giorno si perdono aziende e posti di lavoro".

"Il decreto legge al quale stiamo lavorando prevede la possibilità di un percorso, nella piena trasparenza e legalità, a burocrazia zero per chiunque venga a Roma per investire in opere pubbliche finalizzate al miglioramento dei servizi e delle infrastrutture della nostra città. La sindaca Raggi scopre quindi l'acqua calda ma ormai i romani sono stufi del degrado e dell'irresponsabilità di chi fino ad oggi ha amministrato il Campidoglio, senza avere una visione del futuro della Capitale e senza ascoltare le proposte e le idee dei movimenti civici come il nostro".

Per questo motivo, conclude Grassi, "nei prossimi mesi Roma Sceglie Roma presenterà il progetto per la Capitale. Un progetto che non può non nascere da una grande alleanza civica che coinvolga tutti gli attori in grado di mettersi a disposizione per ricostruire un'immagine e un futuro per Roma, dopo anni di malaffare e degrado che hanno fatto il giro del mondo".