Roma, Gualtieri: non un euro di Pnrr e Giubileo andrà a criminali

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 8 nov. (askanews) - "Una città più inclusiva è anche una città più sicura. Roma non lo è abbastanza. Spesso però non ce la si prende con chi minaccia davvero la nostra comunità. Il nostro primo avversario si chiama mafia. Si chiama criminalità organizzata. Sono coloro che si insinuano nelle difficoltà e nelle ansie delle persone per limitarne la libertà, infiltrarsi nei quartieri, inquinare le nostre attività economiche". Lo ha detto il sindaco di Roma Roberto Gualtieri presentando il suo primo Rapporto alla città. Il sindaco ha salutato e ringraziato a nome della città Barbara Mezzaroma, presente in sala, "per il suo coraggio e il suo senso civico che la hanno spinta a denunciare e far arrestare un pericoloso criminale".

Come amministrazione "siamo impegnati nella costruzione di nuove filiere di legalità e di controlli, soprattutto nei settori del contrasto alle organizzazioni mafiose, dell' anticorruzione, dell' antiriciclaggio e dell'evasione fiscale, e voglio ringraziare Francesco Greco per il supporto che sta dando alla nostra azione sul fronte della legalità", ha ricordato Gualtieri.

"Voglio poi lanciare un messaggio chiaro: saremo inflessibili nel monitoraggio della messa a terra degli investimenti del PNRR e del Giubileo: non un euro deve finire in tasca alla criminalità - ha detto Gualtieri - non un euro deve essere distratto dai fini di pubblica utilità per cui è stato stanziato. Ci avvarremo della preziosa collaborazione della GdF e degli altri soggetti istituzionali preposti al contrasto alle infiltrazioni".