Roma, Gualtieri: "Piano rifiuti con effetti in 6 mesi"

·2 minuto per la lettura

"Presentiamo il nostro programma il giorno dopo la chiusura ignominiosa della consiliatura". Lo ha detto Roberto Gualtieri, candidato del centrosinistra a sindaco di Roma, presentando il programma dal quartiere generale del suo Comitato a Portonaccio.

Obiettivo, "compiere finalmente quegli interventi strutturali che non sono stati fatti in questi 5 anni. Abbiamo una strategia di breve, medio e lungo periodo sui rifiuti. Per affrontare l'emergenza un piano di 18 mesi, che mostrerà i suoi effetti in 6 mesi, partendo da una pulizia straordinaria della città" ha spiegato Gualtieri.

E poi "realizzare un sistema integrato dei rifiuti, autosufficiente, tecnologicamente avanzato con gli obiettivi di aumentare la differenziata gradualmente. La nostra stima è che non sarà possibile arrivare sopra al 50% prima di due anni, dire una cosa diversa sarebbe prendere in giro i romani. E' possibile arrivare entro fine consiliatura almeno al 60% ma noi puntiamo al 70% di differenziata entro la fine della consiliatura. Altro obiettivo la dotazione di un'impiantistica di trattamento e riciclo moderna per portare Roma all'autonomia industriale e alla chiusura del ciclo dei rifiuti al 95%. E poi ridurre la Tari del 20% nell'arco di 5 anni, con la lotta all'evasione e la riduzione delle spese per portare i rifiuti fuori Regione".

"L'attivazione di almeno tre impianti di tritovagliatura per il pretrattamento dell'indifferenziato, l'avvio delle gare per la realizzazione di due impianti di compostaggio e una bioraffineria per la trasformazione in maniera pulita dei rifiuti in energia. Tutto questo con la collaborazione strategica tra Ama ed Acea ma per serietà il punto di caduta societario lo definiremo dal governo e non in campagna elettorale''.

Ancora, "un grande patto con le istituzioni e le associazioni per la rinascita del mare di Roma, non è pensabile che Roma non valorizzi il suo mare. Il mare deve essere al centro delle politiche di Roma e collaboreremo con il Municipio per questo, all'interno anche di un piano di qualità dell'offerta turistica balneare, superando il lungomuro per recuperare le visuali del mare e individuando meccanismi premiali per le strutture che investono in progetti sostenibili".

"Ci risiederemo al tavolo con la Regione Lazio, da cui Raggi si è alzata sbagliando, per trasferire funzioni a Roma capitale - ha poi detto Gualtieri - Siamo al lavoro per trasferire la gestione dei servizi di prossimità ai Municipi, facendone una componente attiva di Roma capitale".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli