Roma, Gualtieri: "Tra una settimana emergenza rifiuti sarà superata"

(Adnkronos) - "Ho il dovere di spiegare ai cittadini che se va a fuoco e diventa non utilizzabile l'impianto più grande che tratta 8.000 tonnellate di rifiuti a settimana, è chiaro che una parte di essi, finché non si trovano sbocchi alternativi, rimangono sulle strade. Stiamo lavorando con il massimo impegno proprio per superare questa situazione". A dirlo ai microfoni di Radio Rtl 102.5 il sindaco di Roma Roberto Gualtieri sottolineando che "tra una settimana penso che l'emergenza sarà superata".

Il sindaco di Roma ha ricordato che "la città ha subito nelle scorse settimane l'effetto dell'insufficienza degli sbocchi, c'è stato un incendio che ha distrutto uno dei più grandi impianti di trattamento dei rifiuti di Roma, in realtà li trasforma per mandarli in discariche e termovalorizzatori e questo ha reso molto difficile la situazione. Adesso abbiamo trovato sbocchi temporanei e la situazione sta migliorando. Stanno partendo nuove squadre di spiazzamento grazie alle assunzioni, ma per avere una situazione piena serve la realizzazione dell'impianto".

Parlando poi della sua proposta del trasporto pubblico gratuito, ha detto: "E' un provvedimento preso in Germania e Spagna che è stato molto apprezzato. Funziona così: lo Stato investe, abbiamo delle risorse che si possono utilizzare per il buon andamento delle entrate fiscali, non è necessario fare uno scostamento o aumentare le tasse. E' un intervento tra i più efficaci".

"Aiutiamo così in modo concreto - ha spiegato Gualtieri - le fasce dei lavoratori e di pensionati a basso reddito, si aiuta a rilanciare la cultura del trasporto pubblico, a investirci creando un circolo virtuoso. Penso che ci siano le risorse per fare quanto fatto in Germania e Spagna e credo che sarebbe bello che anche l'Italia lo facesse".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli