Roma, il laser ripulisce il Pantheon dalle scritte vandaliche

(Adnkronos) - El.En., azienda fiorentina leader a livello mondiale e specializzata nella fabbricazione di laser per applicazioni medicali, industriali e per il restauro conservativo del patrimonio artistico e culturale, torna in soccorso dell'arte italiana. In questa caso è stata la volta del Pantheon a Roma che, alcuni vandali, hanno imbrattato con la scritta "Aliens Exist".

Come già fatto per 36 siti Unesco, ultimo dei quali il Duomo di Orvieto, l’azienda è stata interpellata per rimuovere i graffiti dalle pareti di una delle più conosciute ed iconiche costruzioni del nostro Paese. Il lavoro di pulitura si è chiuso oggi, con i laser di El.En. che hanno cancellato completamente le scritte, riportando le pareti al loro antico splendore.

I laser dell'azienda fiorentina hanno già lavorato su opere dal valore inestimabile, come l’affresco di Leonardo da Vinci nella sala delle Asse a Milano o sul Ponte Vecchio di Firenze. Inoltre, attualmente, due laser del Gruppo El.En. stanno operando a Notre Dame per pulire alcune delle cappelle dalle incrostazioni dovute all’incendio del 2019.

"Trovarci dinanzi a grandi artisti e grandi opere del passato già lascia stupefatti. Poter contribuire a preservare o addirittura salvare questi capolavori, con i nostri laser, è qualcosa che non ha prezzo - afferma Paolo Salvadeo, direttore generale di El.En. - E sapete qual è la nostra soddisfazione più grande? Quando le nostre apparecchiature riescono addirittura a cancellare l'imbecillità di certe persone. Ora è avvenuto sul Pantheon, in una difficilissima operazione di recupero, ma di recente anche sul Duomo di Orvieto, e prima ancora su Ponte Vecchio a Firenze, con gli Angeli del Bello, nonché su una targa dedicata ai partigiani della città di Grosseto, che era stata data alle fiamme. Ci sentiamo un po' come dei monuments men dell’era moderna".

La squadra di restauratori di El.En., composta da Laura Bartoli, Valentina Becattelli, Valentina Trafeli, Alessandro Zanini e Paolo Salvadeo si potrebbe quasi definire una sorta di Monuments Men dell’epoca moderna. Un po’ come la famosa task force militare organizzata dagli Alleati durante la Seconda guerra mondiale per proteggere i beni culturali e le opere d'arte, così il team di El.En. ha lavorato in missioni in catacombe, in cima alle più alte vette del Nepal, imbragati su facciate, tetti, ponteggi e tanto altro. Con il laser che opera per effettuare puliture dai segni del tempo, dall’inquinamento atmosferico, da concrezioni organiche, ma anche dai graffiti.

"La nostra task force forma restauratori in tutto il mondo all’utilizzo delle nostre sofisticatissime apparecchiature laser. Spesso mettiamo a disposizione sistemi in forma gratuita, come sponsor tecnici di certi restauri importanti. E sovente siamo in cantiere, con l’obiettivo che i laser vengano utilizzati al meglio, e nel modo più sicuro ed efficace possibile", afferma Alessandro Zanini, direttore di Light for Art, divisione laser di El.En. SpA, dedicata ai beni culturali.

El.En. opera in un mix formidabile di tecnologia e innovazione. La spinta verso la salvaguardia e il rispetto della storia dell'arte e della cultura, soprattutto in un momento di crisi come questo, rappresenta uno degli stimoli e dei valori più importanti che vengono coltivati con grande passione da questo gruppo, che ama salvare le opere con ogni mezzo a disposizione. Un orgoglio per tutta l'Italia, un progetto coraggioso e di frontiera, pensato soprattutto per le nuove generazioni. Perché non vada perduto nulla di così importante.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli