A Roma il 'tetris' dei rifiuti

webinfo@adnkronos.com
Non si allenta l’emergenza rifiuti a Roma. E al Pigneto i residenti stamani di sono risvegliati con l’insolita immagine di un divano in bilico dentro un cassonetto, all’angolo tra via Macerata e via Aquila. "E assurdo - dice all’Adnkronos Marco De Gennaro, 63 anni, del comitato di quartiere Pigneto Prenestino - la maleducazione dei cittadini ha raggiunto vette inarrivabili". Il gesto, ipotizza De Gennaro, "secondo me è riconducibile a chi abita al Pigneto ma non ha il contratto con Ama. Perché il servizio di ritiro gratuito degli ingombranti funziona, ma l’azienda prima di venire a casa ti chiede gli estremi del contratto e qui è pieno di studenti fuorisede, ma sopratutto di immigrati che vivono in dieci in un appartamento e il contratto mica ce l’hanno".  Tanti residenti stamani si sono fermati, come De Gennaro del resto, a scattare la foto del divano nel cassonetto. "Ma non è certo l’unica assurdità legata alla gestione dei rifiuti in zona - afferma De Gennaro - davanti al cinema l’Aquila, all’angolo tra via Ascoli e via l’Aquila, c’è una discarica di ingombranti sul marciapiede: ombrelloni, porte, tavole legno che da un mese nessuno rimuove".

Non si allenta l’emergenza rifiuti a Roma. E al Pigneto i residenti stamani di sono risvegliati con l’insolita immagine di un divano in bilico dentro un cassonetto, all’angolo tra via Macerata e via Aquila. "E assurdo - dice all’Adnkronos Marco De Gennaro, 63 anni, del comitato di quartiere Pigneto Prenestino - la maleducazione dei cittadini ha raggiunto vette inarrivabili". 

Il gesto, ipotizza De Gennaro, "secondo me è riconducibile a chi abita al Pigneto ma non ha il contratto con Ama. Perché il servizio di ritiro gratuito degli ingombranti funziona, ma l’azienda prima di venire a casa ti chiede gli estremi del contratto e qui è pieno di studenti fuorisede, ma sopratutto di immigrati che vivono in dieci in un appartamento e il contratto mica ce l’hanno".  

Tanti residenti stamani si sono fermati, come De Gennaro del resto, a scattare la foto del divano nel cassonetto. "Ma non è certo l’unica assurdità legata alla gestione dei rifiuti in zona - afferma De Gennaro - davanti al cinema l’Aquila, all’angolo tra via Ascoli e via l’Aquila, c’è una discarica di ingombranti sul marciapiede: ombrelloni, porte, tavole legno che da un mese nessuno rimuove".