**Roma: inchiesta morte figlia Urbani, amica verrà risentita**

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 30 mar. (Adnkronos) – Verrà risentita l’amica di Maddalena Urbani che era con lei sabato sera a casa del pusher siriano in zona Cassia a Roma dove è stata trovata senza vita. La ragazza, figlia del medico-eroe Carlo Urbani che per primo isolò il virus della Sars, già sentita subito dopo i fatti dagli investigatori della Squadra Mobile, dovrà chiarire cosa è accaduto nelle ore che hanno preceduto il decesso.

Nel fascicolo, coordinato dal procuratore aggiunto Nunzia D’Elia, dove si procede per l’ipotesi di morte come conseguenza di altro reato, è stato iscritto il pusher siriano che era agli arresti domiciliari per droga. L’uomo, 62 anni, domenica è stato arrestato dalla Polizia per detenzione di sostanza stupefacente. Intanto sul corpo della 21enne è stata disposta l’autopsia.