Roma, inciampo doppio in Aula: Odg contestato da opposizioni

Sis

Roma, 23 lug. (askanews) - Doppio inciampo in Assemblea capitolina per la neo-vicaria M5S d'Aula Sara Seccia, nel corso della trattazione dell'Odg della seduta odierna. Mentre si discute, infatti, della nuova destinazione degli spazi dell'ex cinema Metropolitan il capogruppo di Fdi Andrea De priamo ha richiamato il regolamento capitolino chiedendo "se, non essendo stato l'Odg odierno approvato all'unanimità, si fosse aperta la seduta approvando l'Ordine dei lavori in Aula con un voto". La neo-vicaria ha consultato gli uffici per verificare l'accaduto, e il capogruppo pentastellato Giuliano Pacetti le è venuto in soccorso segnalando che nessuno aveva eccepito la comunicazione della convocazione dell'Aula con l'Odg classificato "per unanime decisione".

Contrariata l'opposizione, e in primis il capogruppo di Fdi Andrea De Priamo, che ha sottolineato come "in assenza del verbale della capigruppo che non è stato ancora redatto, prendiamo atto della convocazione e verificheremo ulteriormente le eventuali registrazioni". Il capogruppo del Pg Giulio Pelonzi ha spiegato che "ricordiamo tutti di non aver dato l'unanimità, anche perché stiamo entrando in una fase delicata dell'Aula, tra Bilancio e Pums. Segnalerei, anche se sta avvenendo tutto in buona fede, che da oggi noi siamo contrari sempre all'Odg proposto, salvo smentita, per evitare automatismi". Il secondo richiamo al regolamento è stato sollevato sempre da Fdi, ma dal vicepresidente d'Aula Francesco Figliomeni, vicario di transizione dopo le dimissioni del M5S Enrico Stefàno cui è subentrata Seccia. "Oltre a chiedere la convocazione di un Ufficio di presidenza sull'accaduto, segnalo che la scorsa seduta si è chiusa con la caduta del numero legale prima della votazione della Mozione 190 a prima firma Fassina, con l'assicurazione che si sarebbe ripreso nella seduta successiva con quella votazione. Mi domando perché non è stato fatto". La presidente Seccia ha segnalato, dopo una breve interruzione, che la mozione è comunque al primo punto all'Odg dopo le delibere, e i lavori sono ripresi con la richiesta del primo firmatario e consigliere di Sinistra per Roma Stefano Fassina di procedere al voto finale sulla sua mozione prima della fine della seduta. La mozione di Fassina - condivisa anche da Pd e M5S - prevede la dedica di un toponimo alla memoria di Roberto Ribeca, stimato presidente negli anni '80 del Municipio di Ostia, deceduto lo scorso aprile e la famiglia del compianto presidente è per la terza volta oggi presente in Aula in attesa della votazione dell'atto.