Roma, Lega: con Pd e M5s Vergogna Capitale

Pol-Afe

Roma, 25 ott. (askanews) - "Parlano i fatti. Il ministro dell'Interno Matteo Salvini ha lasciato in eredità per Roma l'8,6% in meno di reati, il -26,64% di stranieri in accoglienza, un piano di potenziamento 2019-2020 della questura con l'arrivo di 140 nuovi agenti. Il tutto senza dimenticare i finanziamenti per Scuole sicure o per la video sorveglianza, i militari in più per Strade sicure e la possibilità di assumere dei vigili grazie al Decreto sicurezza. Eppure i 5Stelle e il Pd non esitavano ad attaccare la Lega e a denunciare l'insicurezza in città. Il 27 luglio, su Facebook, Luigi Di Maio commentava l'omicidio del carabiniere Mario Cerciello Rega dicendo che 'chi conosce città come Roma sa benissimo che ci sono condizioni precarie di sicurezza interna, che questi giri di droga, spaccio, violenza, purtroppo, sono all'ordine del giorno in certi quartieri e anche in centro'. L'8 agosto - dopo l'omicidio di Fabrizio Piscitelli - Paola De Micheli del Pd diceva che 'Salvini non garantisce nessuna sicurezza', e addirittura definiva l'allora ministro 'un giullare'. Oggi i grillini e il Pd insultano la Lega dicendo che polemizzare dopo un omicidio è sciacallaggio. La verità è che Salvini e la Lega sono sempre dalla parte delle Forze dell'Ordine e della sicurezza. Con Pd e 5Stelle assistiamo a Vergogna Capitale". Lo affermano il senatore Stefano Candiani e il deputato Nicola Molteni, leghisti e sottosegretari all'Interno con il ministro Matteo Salvini.