Roma, Lega: Corte dei Conti boccia ancora Raggi su partecipate

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 3 giu. (askanews) - "Nelle regole del baseball al terzo strike si va fuori. La politica non dovrebbe mostrare maggiore clemenza davanti ad una Capitale sommersa di problemi che sembrano irrisolvibili. Sulla gestione delle società capitoline la Corte dei conti di Roma torna a farsi sentire formulando una pesante bocciatura della Giunta Raggi." Così il consigliere della Lega Davide Bordoni segretario d'Aula in Assemblea capitolina. "Più volte abbiamo denunciato, attraverso mozioni, interrogazioni e la richiesta di consigli straordinari, l'immobilismo se non addirittura l'evidente contrasto ad una corretta gestione manageriale e finanziaria delle partecipate - ricorda Bordoni -. Nel Rapporto pubblicato sulla gestione delle partecipazioni societarie del Comune di Roma si legge oltre a carenze diffuse nei controlli di gestione un soccorso improprio del Campidoglio nei bilanci 2016-2018 inattendibili e presentati sempre fuori tempo massimo". "Chiediamo una urgente, puntuale e corretta informativa all'assemblea Capitolina, che è l'organo di controllo e di indirizzo delle società partecipate, sulla nota emessa dalla Corte dei Conti del Lazio". Le società - continua Bordoni - su cui la Corte dei conti contesta una gestione a dir poco imbarazzante erogano servizi importanti ai cittadini e impiegano migliaia di lavoratori che attendono risposte chiare e rassicurazioni. Chiediamo che la Raggi venga a riferire urgentemente in Aula sulle partecipate per visionare gli atti oggetto di contestazione da parte della Magistratura contabile e conoscere gli intendimenti della Giunta rispetto all'operato che la Corte chiede di motivare", conclude