Roma, M5S celebra articolo NYT su Raggi ma sorvola su criticit

Sis

Roma, 5 giu. (askanews) - Il gruppo capitolino del M5S posta trionfante sui suoi social il clip dell'articolo che il New York Times dedica all'ordine di sequestro ordinato "da un giudice" nei confronti del "quartier generale di CasaPound". Ordine che, riporta il New York Times, stato "salutato" dalla sindaca di Roma come una vittoria. Il pezzo, per, non solo lusinghiero come il gruppo dei Cinque stelle farebbe intendere. "La vittoria dell'Amministrazione Raggi sull'occupazione abusiva di un palazzo nel centro di Roma da parte dei fascisti di CasaPound ha valicato i confini nazionali. Se ne parla anche sulla stampa estera - scrive infatti il M5S in un post su Fb dove riporta la foro dell'incipit dell'articolo -. Il New York Times dedica oggi un lungo articolo alla vicenda, sottolineando come, a differenza di Virginia Raggi, le precedenti amministrazioni, di tutti i colori politici, non siano riuscite a ripristinare la legalit nel palazzo occupato di via Napoleone III, nel quartiere Esquilino - continua e attacca, come fatto dalla sindaca nel pomeriggio a Rai News 24 -. Chiss cosa ne pensano gli antifascisti da salotto che, da giorni, provano goffamente a intestarsi una battaglia che - come sanno anche i bambini - sempre stata portata avanti, con tenacia, dalla sindaca Virginia Raggi. Chiss cosa ne pensa chi ha chiuso entrambi gli occhi e ha accettato il protrarsi di illegalit di ogni tipo. Fortunatamente chi guarda le cose in modo oggettivo sa riconoscere il merito delle sfide politiche: un esercizio laico che farebbe bene a un bel po' di persone", conclude il post grillino. Il New York Times, per, oltre chiarire gi nel titolo che l'iniziative di origine giudiziaria, ricorda che l'ordine arrivato nel 76esimo anniversario della liberazione di Roma ma chiarisce che "l'ordine di sequestrare l'immobile non arrivato dalla sindaca Raggi che ha per dichiarato che esso ha rappresentato una vittoria simbolica" nell'occasione della ricorrenza. Il quotidiano statunitense, dopo aver raccontato le vicissitudini dell'immobile, e il profilo degli occupanti, con quell' "esercizio laico" che il M5S gli riconosce, chiude inoltre spiegando che "una dichiarazione della polizia aveva chiarito che le procedure per l'attuazione dell'ordine erano 'in corso' e non era chiaro da subito quando i membri del gruppo sarebbero stati effettivamente costretti ad andarsene". "La vittoria di Raggi del 2016 stata vista come una svolta per il partito a 5 stelle - conclude il prestigioso quotidiano - tuttavia il suo mandato stato funestato da una miriade di problemi, compresi i trasporti e la raccolta dei rifiuti, e lei non ha ancora dichiarato se prover a farsi rieleggere nel 2021".