Roma, in M5S Pacetti contro De Vito su Assemblee in presenza

Sis

Roma, 17 giu. (askanews) - Scambio di vedute all'interno del M5S capitolino sulla scelta di tornare a celebrare in presenza le Assemblee capitoline in Aula Giulio Cesare. Nel corso della seduta odierna, l'ultima online, il capogruppo M5S Giuliano Pacetti ha segnalato sulla chat d'Aula che nella conferenza dei capigruppo il M5S non ha espresso un voto favorevole al ritorno in Aula, e che anche nella prossima capigruppo il M5S chiederà che le sedute continuino sulla piattaforma Teams. "Mi spiace per la nuova posizione che il capogruppo M5S Pacetti porterà nella prossima capigruppo ma nel momento in cui le attività, i bar, i ristoranti, le palestre, i parrucchieri, i centri estetici rialzano con fatica le saracinesche, in un contesto in cui nell'intero Lazio si registrano appena 9 casi di Covid al giorno e in un momento in cui la popolazione prova a ripartire e reagire con determinazione e fiducia, credo che le Istituzioni ed i rappresentanti dei cittadini debbano dare per primi il buon esempio e il segnale", è la risposta via nota del presidente M5S dell'Assemblea capitolina Marcello De Vito. "Diversamente - sottolinea De Vito - si dimostrerebbe di temere il confronto con la cittadinanza e ci si porrebbe al di sopra di essa. Ne sono convinto pur essendo un forte assertore dell'ottima esperienza istituzionale dei consigli in videoconferenza, grazie ai quali si è potuta garantire la prosecuzione del dibattito democratico e di cui durante la seduta di domani comunicherò i dati esatti. Do quindi per scontato, anche sulla scorta della precedente capogruppo, che il buonsenso del m5s prevarrà e che non si dia un pessimo segnale ai cittadini. Il Regolamento di mia emanazione può ritenersi, almeno per quanto attiene i Consigli, del tutto sospeso", ha concluso De Vito.