Roma: Marini (pres. Commissione Gelmini), 'entro mercoledì pronti due testi riforma' (2)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – Nessun dubbio "sul doppio binario costituzionale e ordinario: entrambi devono vertere agli stessi obiettivi". In poche parole: "la riforma tramite legge ordinaria nel caso in cui arrivasse prima, dovrebbe anticipare i contenuti della riforma costituzionale", spiega il costituzionalista. Tra le altre questioni, dibattute dalla Commissione ministeriale anche "i territori e in particolare le funzioni dei municipi: ossia, se debbano essere rafforzati, considerando la dimensione di Roma". Nel processo dovrà avere voce in capitolo innanzitutto Capitale: "cioè la riforma non va calata dall'alto. Roma, a mio avviso, deve essere coinvolta nella definizione delle proprie attribuzioni attraverso la creazione di un organo paritetico o un tavolo istituzionale che le consenta di partecipare all'attuazione del procedimento di ampliamento dei poteri".

Al vaglio infine anche la previsione di una legislazione derogatoria rispetto a quella della regione Lazio, sul modello tedesco "che agevola un processo riformatore che proviene dal basso, dai territori": "cioè si potrebbero individuare alcuni ambiti materiali e starà poi a Roma decidere quanto occupare di quelle materie e quanto lasciare alla Regione". (di Roberta Lanzara)