Roma, sgombero a Tor Bella Monaca: Giuseppe Moccia in casa Ater

·3 minuto per la lettura

Maxi operazione di sgombero della Torre 50 di Tor Bella Monaca a Roma. In via Santa Rita da Cascia stanno operando circa 100 uomini delle forze dell'ordine tra polizia, carabinieri, Gdf, e gli agenti della polizia locale. L'intento è liberare gli appartamenti Ater occupati abusivamente. L'intervento viene fatto sull'intero stabile per ripristinarne la legalità e restituire gli immobili alle persone che ne avrebbero diritto. Gli alloggi saranno quindi sigillati, bloccati e interdetti all'accesso per poi essere restituiti ai legittimi destinatari. Lo sgombero, deciso in comitato, rientra nella linea di azione voluta dal prefetto di Roma Matteo Piantedosi.

GIUSEPPE MOCCIA E MOGLIE IN UN APPARTAMENTO ATER - Secondo quanto apprende l'Adnkronos, in uno degli appartamenti Ater occupati abusivamente sono stati trovati Giuseppe Moccia e la moglie. I due sarebbero stati portati in caserma dai carabinieri per accertamenti.

A dare esecuzione ai provvedimenti che riguardano cinque appartamenti al civico 50 di via Santa Rita da Cascia, emessi dall'Azienda territoriale per l'edilizia residenziale pubblica, i caschi bianchi, coordinati da Stefano Napoli, dell'Unità Spe (Sicurezza Pubblica ed Emergenziale), Gssu (Gruppo Sicurezza Sociale Urbana), VI Gruppo Torri e dell'Unità di Polizia Giudiziaria presso le procure della Repubblica. Sul posto è presente il personale Ater, oltre ad alcune unità della Polizia e dell'Arma dei Carabinieri.

Quasi 30mila euro in contanti e pochi grammi di hashish sono stati sequestrati dai carabinieri in casa di Moccia. I soldi, per l'esattezza 29.475 euro, e 2,2 grammi di hashish, oltre a materiale per il confezionamento come bustine con la chiusura a pressione, sono stati sequestrati. Giuseppe Moccia, la madre e la compagna, che abitavano all'interno 70, al 13esimo piano, non erano abusivi ma morosi. Moccia è stato inoltre denunciato dai carabinieri del Nucleo operativo della compagnia di Frascati e della stazione di Tor Bella Monaca, che hanno trattato il caso, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

SODDISFAZIONE LAMORGESE - Il ministro dell’Interno, Luciana Lamorgese, esprime soddisfazione per l'operazione di sgombero di alcune abitazioni occupate abusivamente a Tor Bella Monaca a Roma da importanti esponenti di organizzazioni criminali. "Ringrazio il prefetto di Roma, le forze di polizia e la polizia locale per una azione di ripristino della legalità - ha sottolineato la titolare del Viminale – che rafforza la presenza dello Stato in una area urbana con una forte presenza criminale, consentendo di restituire gli alloggi ai legittimi assegnatari".

RAGGI: "CASE A LEGITTIMI PROPRIETARI" - ''Non possiamo permettere che all’interno delle case popolari ci viva chi non ha diritto. Per questo motivo l’operazione di questa mattina è stata fondamentale. A Tor Bella Monaca cento uomini della Polizia Locale insieme ad altre Forze dell’Ordine hanno sgomberato alcuni alloggi Ater che erano occupati abusivamente''. Così su Instagram la sindaca di Roma Virginia Raggi.

''All’interno sarebbero stati trovati anche un esponente del clan Moccia con la moglie. Ora gli appartamenti saranno riconsegnati ai legittimi proprietari, come è giusto che sia''.

''La lotta per il ripristino della legalità deve andare avanti, sempre #ATestaAlta. Grazie al Ministro dell’Interno Luciana Lamorgese, al prefetto di Roma Matteo Piantedosi, alle Forze dell’Ordine e a tutti coloro che stanno lavorando a questa operazione''.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli