Roma metropolitane, Fsp Polizia: Lamorgese gravemente inopportuna

Bos

Milano, 1 ott. (askanews) - "Se Luciana Lamorgese ha il dubbio che le Forze di Polizia sappiano intervenire in maniera corretta e non in violazione di leggi allora ha sbagliato mestiere. O forse le è sembrato davvero opportuno offendere così clamorosamente la dignità professionale dei poliziotti proclamando pubblicamente la propria pretesa nei confronti del Capo della Polizia di verificare se i suoi dipendenti hanno saputo fare il proprio lavoro? Se le parole attribuite dai media al ministro dell'Interno fossero dettagliatamente vere allora, forse, dovrebbe davvero farsi venire un dubbio, e cioè se si trova a capo del ministero giusto, e se i suoi tanti anni di esperienza le siano davvero serviti a comprendere con chi ha a che fare quando si tratta di donne e uomini in divisa". Lo ha affermato in un comunicato Valter Mazzetti, Segretario Generale dell'Fsp Polizia di Stato, aproposito di quanto accaduto dopo la manifestazione di oggi a Roma in cui è rimasto ferito il deputato di Leu Stefano Fassina. Il ministro Lamorgese, secondo quanto riferiscono i media, ha chiesto al capo della Polizia Franco Gabrielli "di verificare se l'intervento delle forze di polizia presenti sia stato svolto in maniera corretta e senza violazioni di legge".

"Perché così - ha aggiunto Mazzetti - ha dato più che altro l'idea di volersi ingraziare la politica. Nessuno più di noi comprende e condivide frustrazione e rabbia di chi rischia di perdere il proprio lavoro, ma dare sostanzialmente dei folli ai nostri colleghi non è cosa che possiamo accettare. Ancora tutto degli spiacevoli fatti di oggi deve essere chiarito, e già il ministro, che avrebbe ben potuto confrontarsi con Gabrielli nei termini e nei modi consoni ai rapporti istituzionali, manda invece così un messaggio orrendo alla gente: che forse gli operatori in divisa sono impazziti all'improvviso e hanno deciso di violare la legge nel cuore della capitale d'Italia aggredendo cittadini inermi per passatempo".