Roma, in migliaia a Santa Maria Maggiore per il miracolo della neve

(Adnkronos) - In migliaia, tra romani e turisti, si sono affollati ieri sera alla basilica romana di Santa Maria Maggiore per assistere al 'miracolo della neve'. L'evento, organizzato dall'architetto Cesare Esposito e arrivato alla 39esima edizione, rievoca il prodigio della Madonna della Neve avvenuto nell'358 d.C. sul Colle Esquilino e rappresenta una tradizione devozionale molto cara ai romani, trasformando la piazza di Santa Maria Maggiore in un grande teatro a cielo aperto dove va in scena un'intensa nevicata artificiale.

Secondo la leggenda, la notte tra il 4 e il 5 agosto del 358 d.C. la Madonna apparve in sogno a un nobile patrizio e alla moglie, che, non avendo figli, avevano deciso di far edificare una chiesa in suo nome e disse loro che un miracolo avrebbe indicato il luogo su cui costruirla. Anche papa Liberio fece lo stesso sogno e il giorno seguente, recatosi sull'Esquilino, lo trovò coperto di neve. Il Papa stesso tracciò il perimetro dell'edificio e la chiesa fu costruita a spese dei due coniugi, divenendo nota come chiesa di Santa Maria 'Liberiana' o popolarmente 'ad Nives'.

Messa in scena per la prima volta nel 1983, la rievocazione, spiega Esposito, è dedicata "a Papa Francesco, nostra guida e nostra speranza, perché prosegua nella sua missione di pace". "Ringrazio il sindaco di Roma Roberto Gualtieri e tutti i sacerdoti della basilica di Santa Maria Maggiore", aggiunge l'architetto, che si dice "orgoglioso e felice" di aver potuto vedere tanta gente in piazza.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli