Roma, molestatori stazione Termini: decisi 6 ‘Daspo urbani’

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 9 giu. (askanews) - Il Questore della Capitale ha emesso sei D.A.C.U.R. - Divieto di Accesso alle aree Urbane, nei confronti di soggetti pericolosi, gravitanti intorno all'area della stazione Roma Termini. Questi provvedimenti - si spiega in una nota - riguardano 3 uomini e le 3 donne, di età compresa tra i 25 e i 52 anni, che sono stati segnalati quali frequentatori abituali dello scalo ferroviario con l'unico obiettivo di molestare e infastidire i viaggiatori dello scalo e porre in essere azioni illecite dalle quali ricavare ingiusti profitti.

L'inosservanza del provvedimento prevede la reclusione da 6 mesi a 2 anni e una multa da 8 a 20 mila euro. La misura - si aggiunge - è finalizzata a scoraggiare condotte che determinano un forte allarme sociale nella collettività, in quanto spesso sono esercitate con modalità tali da limitare la libertà dei cittadini, costretti ad aderire alle illegittime richieste, nel timore di ritorsioni ovvero a scegliere aree diverse di transito per evitare le moleste richieste di tali persone.

Dopo gli accertamenti degli agenti della Divisione Anticrimine della Questura, diretta da Angela Altamura, che hanno evidenziato la reiterazione delle condotte così come segnalato dall' Arma dei Carabinieri, la pericolosità dei 3 uomini e delle 3 donne, tutti con precedenti di polizia per reati di molestia e disturbo alle persone, di furti e risse, reati commessi all'interno dello scalo ferroviario, il Questore di Roma, al fine di garantire la sicurezza pubblica, ha emesso sei divieti di accesso all'area urbana della Stazione Termini, compresa piazza dei Cinquecento, via Marsala, via Giovanni Giolitti ed il sottopassaggio Pettinelli della durata di 12 mesi.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli