A Roma nasce il museo dell'Arte Salvata

(Adnkronos) - Un luogo che, nel cuore di Roma e a poca distanza dalla stazione Termini, conserva per un certo periodo di tempo le opere d'arte recuperate dal Comando dei Carabinieri Tpc e dalle altre Istituzioni. E' il Museo dell'Arte Salvata, inaugurato oggi, nell'Aula Ottagona del Museo Nazionale Romano, nel quale verranno proposte collezioni che muteranno nel tempo in base alle nuove opere d'arte ritrovate e a quelle che torneranno nei luoghi di provenienza.

Un luogo di 'transito', insomma, in cui mostrare l'eccellenza italiana nel settore del recupero delle opere d'arte trafugate. Si tratta, ha infatti sottolineato il ministro della Cultura Dario Franceschini, di un posto in cui "le opere resteranno alcuni mesi e poi torneranno nei luoghi di provenienza. Ci sarà quindi una collezione che ruota, che si alterna, e che dimostra al mondo l'eccellenza del nostro lavoro in questo campo. Da qualche anno abbiamo deciso infatti, e manterremo questa decisione, che le opere tornino nei territori di provenienza".

Le opere conservate nel nuovo museo saranno inoltre quelle che verranno restituite all'Italia grazie ad un'operazione di diplomazia culturale oppure a seguito del lavoro dei Caschi Blu della Cultura. Ma ci saranno pure i beni salvati da una zona terremotata oppure soggetta ad una calamità naturale. Così come verranno esposti i capolavori tornati a 'nuova vita' in virtù dell'intervento dell'Istituto Centrale per il Restauro.

Quella del museo dell'Arte Salvata, ha spiegato il generale Teo Luzi, comandante generale dell'Arma dei Carabinieri, "è stata una grande idea perché è qualcosa di unico a livello nazionale e internazionale. Questo museo incarna tre valori fondamentali: quello della protezione, quello della legalità e quello della speranza. Oggi, più di ieri, c'è una sensibilità internazionale nei confronti della tutela del proprio patrimonio. Il recupero internazionale di un bene che ritorna a casa è un messaggio di legalità internazionale".

Le opere esposte da domani al 15 ottobre, rientrate in Italia dagli Stati Uniti in virtù dell'opera dei militari dell'Arma tra il dicembre 2021 e la scorsa settimana, saranno poi collocate tra il museo Archeologico Nazionale di Taranto, il museo nazionale archeologico Cerite all'interno del Parco Archeologico di Cerveteri e Tarquinia e il museo nazionale Romano. Si tratta di beni provenienti per lo più dall'Etruria meridionale ma anche dal Lazio come la Giara (pithos) in ceramica d'impasto rosso sovra-dipinto in bianco di produzione etrusca (Cerveteri) con scena mitologica dell'accecamento di Polifemo e animali (cavalli, felini) del VII secolo.

"Il museo dell'Arte Salvata - ha aggiunto Roberto Riccardi comandante dei Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale - ricorda a noi stessi e a tutti che non bisogna soltanto produrre l'arte ma che, per esporla, è necessario proteggerla dalle guerre, dalle calamità naturali come fanno i nostri Caschi Blu della Cultura, e dal trafugamento e dall'oblio, come facciamo attraverso le indagini. Abbiamo oggetti rientrati dagli Stati Uniti, alcuni sono arrivati qui nelle scorse settimane. Avevano subito la solita trafila degli scavi clandestini, dell'esportazione illecita e del trafugamento. Ne abbiamo scoperto l'esistenza quando sono affiorati presso case d'asta internazionali, grandi musei o presso collezioni private".

Alla seconda metà del VI secolo a.C. risalgono invece le anfore con scene figurate: alcune sono attiche e illustrano l'evoluzione stilistica di questo periodo, altre sono etrusche e coprono lo stesso arco cronologico come l'Anforetta etrusca a figure nere con guerrieri affrontati sulla pancia e occhioni sulla spalla (fine del VI secolo avanti Cristo).

Per Massimo Osanna, direttore generale dei Musei, "questo è un giorno di gioia perché nasce un nuovo museo grazie ad una rete di rapporti tra istituzioni che hanno lavorato insieme per restituire al pubblico capolavori che forse non sono mai stati visti in Italia. Una rete di istituzioni che coinvolge anche quelle dei territori. Pensiamo al lavoro delle Procure: a Pompei abbiamo fatto una bellissima operazione, oltre che con la Procura, con i Carabinieri e con i Vigili del Fuoco per salvare una villa saccheggiata sistematicamente nel suburbio". Un lavoro che riunisce una rete di Istituzione che ha lo stesso obiettivo: "Quello di salvare un patrimonio e restituirlo alle comunità, al pubblico, a noi perché è un patrimonio dell'umanità", ha concluso Osanna.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli