A Roma nel 2020 l'incontro della comunità di S.Egidio per la pace

Ska

Città del Vaticano, 19 set. (askanews) - Si terrà a Roma nel 2020 il prossimo incontro internazionale nello "spirito di Assisi" organizzato da Sant'Egidio: lo ha annunciato la stessa comunità a conclusione dell'appuntamento che si è svolto quest'anno a Madrid.

Una grande invocazione per uscire dai recinti, da frontiere che diventano prigioni e barriere, per riscoprire il mondo come "una casa comune". I leader delle religioni, che da tutto il mondo hanno raggiunto la capitale spagnola per l'iniziativa "Pace senza confini" che si ispira all'incontro di Assisi del 1986 , hanno voluto dare voce al "lamento silenzioso e al grido di chi è lasciato fuori dal benessere, come se non fosse un uomo o una donna come noi". E, soprattutto, di chi è vittima delle troppe guerre ancora in corso nel nostro mondo. Da Madrid si è levato anche un forte "no" all'estremismo religioso e alla tentazione antica di credere che i grandi problemi possano essere risolti da soli. In una piazza dell'Almudena affollata da migliaia di partecipanti accorsi da tutta l'Europa per vivere tre giorni di dialogo e partecipare ai 27 panel che si sono svolti a Madrid, si legge in una nota, si è svolta la cerimonia finale: "Siamo preoccupati per le future generazioni - recita l'appello dei leader religiosi - perché vediamo consumarsi l'unico pianeta di tutti, come se fosse solo di alcuni. Perché vediamo riaffacciarsi il culto della forza e le contrapposizioni nazionalistiche, che hanno creato grandi distruzioni nella storia. Perché il terrorismo non cessa di colpire gente inerme. Perché sembra indebolito il sogno di pace", a trent'anni dalla caduta del Muro di Berlino che aveva dato tanta speranza al mondo. Guerre e pace, epidemie, sicurezza e sicurezza informatica, spostamenti di popolazioni, sostenibilità del pianeta e riscaldamento globale, fine del rischio nucleare e riduzione delle disuguaglianze "sono ben più vasti di una sola nazione".

(Segue)