Roma, non indossavano mascherine: chiuso un locale

·2 minuto per la lettura
Discoteca
Discoteca

In tutto 80 persone che hanno completamente ignorato le regole preventive da covid. I diretti interessati hanno ballato all’interno di una discoteca di Roma sita a via del Mandrione, senza mascherina e senza rispettare le distanze di sicurezza. Le forze dell’ordine hanno chiuso il locale. I poliziotti della questura di Roma hanno rinvenuto tale contesto nel corso di un controllo all’interno del locale, chiuso per inottemperanza ai protocolli Covid-19. Le 80 persone ballavano assembrate, senza mascherina e non rispettando affatto la distanza di sicurezza di due metri come richiesto dal protocollo anti-covid. Ad aggravare la situazione la mancanza di un addetto alla sorveglianza, che fosse incaricato di far rispettare ai presenti il rispetto delle regole. Il locale in questione ha una capienza di circa 400 metri quadrati.

Covid: in discoteca senza mascherina

In tutto 80 le persone scoperte a ballare sena mascherina e senza rispettare le opportune distanze di sicurezza all’interno di una discoteca sita a via del Mandrione a Roma. Gli accertamenti da parte delle autorità hanno fatto scoprire una conduzione irregolare del circolo. Il locale garantiva diverse attività di svago e intrattenimento, come spettacoli e la somministrazione di bevande. Peccato però che il tutto venisse portato avanti in maniera abusiva e senza rispettare le norme primarie previste dal decreto anti-covid. L’attività era svolta come si si trattasse di esercizio pubblico. Infatti, l’accesso era aperto a tutti e non solo ai soci del locale.

I reati contestati al presidente del circolo

Le forze dell’ordine hanno contestato al presidente del circolo i reati di apertura abusiva di luoghi di pubblico spettacolo ed intrattenimento e una multa per un totale di circa 6000 euro, in quanto nel locale era assente un etilometro e il kit alcol-test. Come se questo non bastasse, nella discoteca non era stato istituzionalizzato neanche il divieto di fumo, mancanza che è andata ad aggravare la situazione, già delicata, della discoteca e del titolare, giustificando di conseguenza la cifra della sanzione.