Roma, ok Assemblea capitolina regolamento consulta disabilit -3-

Sis

Roma, 11 giu. (askanews) - "Le Consulte ci hanno chiesto di stabilire nel regolamento precisi obblighi degli organi politici e amministrativi nei confronti degli organi della Consulta - spiega ancora Paciocco - al fine di coinvolgerla nei processi deliberativi e superare la mancanza di ascolto degli stessi, cosa accaduta troppo spesso in passato. Questa loro richiesta stata accolta e attuata mediante la Del. 183/2019 di modifica del regolamento del consiglio, che ha proprio questo obiettivo".

"Roma Capitale, inoltre - aggiunge la consigliera M5S - istituisce un Ufficio di supporto, che si pone a garanzia dell'applicazione del regolamento e a supporto dello strumento partecipativo. In generale la direzione quella di sostenere le necessit operative dell'organismo e di garantire allo stesso un riconoscimento concreto e reale, acquisendo cos un ruolo di rilievo e di legittimo interlocutore rispetto ai temi interessati. Infine c' attenzione al dialogo tra la Consulta Cittadina e quelle Municipali con un maggiore coinvolgimento di queste ultime, valorizzando le competenze in seno alle stesse e le specificit territoriali, e rafforzando il ruolo di tutte le Consulte che unite risultano avere maggiore forza ed efficacia anche grazie allo scambio e al confronto. A tale scopo i presidenti delle consulte municipali partecipano all'assemblea della consulta cittadina con diritto di voto.

"Questo - conclude Cristiana Paciocco - un esempio di lavoro collettivo, concreto, coerente ed efficace, frutto del dialogo tra amministrazione e cittadini e loro rappresentanze, nel rispetto delle rispettive competenze e ruoli. Un lavoro che garantisce regolamentazione e forza allo strumento partecipativo soprattutto in un ambito cos importante e che sta a cuore a tutti noi. Un lavoro per le persone con disabilit e le loro forme aggregative, l'inizio di un percorso per la loro inclusione reale nei processi amministrativi della nostra citt, garantendo ascolto soprattutto a chi non riesce ad avere voce".