Roma, Opposizioni a M5S: ora di tornare in Aula, basta video

Sis

Roma, 18 giu. (askanews) - M5S in minoranza tra i gruppi sul rientro in Aula Giulio Cesare per celebrare l'Assemblea Capitolina. In apertura della seduta odierna i capigruppo capitolini si sono espressi sulla possibilit di continuare "almeno fino al 31 luglio, come consente il decreto Cura Italia, con le sedute in teleconferenza", come chiesto dal capogruppo M5S Giuliano Pacetti a nome della maggioranza Capitolina. "Crediamo che sia necessario continuare a usare la piattaforma almeno per qualche altra settimana - ha affermato Pacetti, anticipando la posizione che presenter domani nella conferenza dei capigruppo a nome del M5S -. Ci viene chiesta la responsabilit di non negare la possibilit ai consiglieri eletti di partecipare poich impossibilitati per motivi veri, perch sono in condizioni di fragilit. E' un senso di responsabilit che dovremmo avere tutti e 48, permettendo a tutti di continuare il loro mandato. Dobbiamo avere qualche altra settimana di pazienza, perch ci permetterebbe a tutti gli eletti di poter partecipare e credo sia un diritto". Chi in altre istituzioni tornato in Aula, secondo Pacetti "lo ha fatto perch non ha una piattaforma, di cui la ringrazio per la volont di implementarla. Perch non continuare a farlo da casa, in sicurezza, e tra qualche altra settimana tornare in Aula?", ha concluso. "Abbiamo sostenuto con forza, con il consigliere Figliomeni in presidenza, le sedute online e il ringraziamento non formale va agli uffici e a lei di averci consentito di continuare a lavorare - ha sottolineato il capogruppo di Fdi Andrea De Priamo -. Dobbiamo recuperare la fisicit. Lo strumento del video non da cestinare, pu complementare sicuramente l'Aula per le commissioni - ha aggiunto, ma siamo per tornare in Aula. Abbiamo garantito il numero legale oggi, non lo negheremo quando non ci saranno posizioni preconcette. Al netto di chi ha problemi di sslute, direi di non farci prendere dalla sindrome della tana perch questo il nostro compito", ha concluso. Il capogruppo del Pd Giulio Pelonzi si allineato alla posizione della presidenza: "Questa Aula la casa dei democratici e della democrazia da sempre. Poi ci spiegher in Capigruppo il collega Pacetti quali sono le difficolt dei colleghi. Siamo pronti a venire incontro a tutti ma, alla vigilia della sessioni di bilancio, non si pu bloccare il lavoro d'Aula. Come tutti i romani debbono correre per recuperare il tempo perduto, cos dobbiamo fare noi. Spingiamo sull'acceleratore". Il capogruppo della Lega Maurizio Politi ha ricordato che "mentre c' un'Italia che riparte nelle difficolt, e lei Presidente ha fatto uno sforzo immane per non far fermare i lavori, non possiamo non venire in Aula. Se oggi siamo in questa Aula, perch questa Aula dirige Roma, la capitale, e noi ci stiamo preoccupando dei problemi che possono avere alcuni colleghi? - s chiesto Politi - Avere l'onere e l'onore di rappresentare i cittadini, fare politica, incidono sui ritmi personali. Governare complicato, e pensare che, mentre in Italia riparte tutto, anche le partite di calcio, non ci si possa riunire in questa Aula, assurdo. In nome dei cittadini italiani tante persone sono in piazza a protestare, mentre ci sono persone che vogliono tutelare i problemi di alcuni consiglieri. Noi vogliamo essere qui a ascoltarli". Anche la consigliera Rachele Mussolini, della lista civica Con Giorgia, si espressa favorevolmente sul rientro in Aula: "Dobbiamo lavorare per la citt - ha sottolineato -. Ricordo che esiste lo strumento della assenza giustificata, perch i colleghi non vi ricorrono? Immaginate se per un caso si ammalassero 15 consiglieri in contemporanea, che facciamo? Ci ritiriamo a casa?", ha concluso.