Roma: Orfini a Calenda, 'non serve 'museone' ma far funzionare meglio quello che c'è' (2)

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

(Adnkronos) – "Calenda dice che non c'è un museo che racconti e spieghi la storia di Roma. Ci sono strumenti tecnologici che consentono di affrontare questo problema senza smembrare musei con operazioni discutibili e arcaiche. Calenda rivendica di aver almeno aperto una discussione. Vero, ma solo per twitter. Di questi temi si discute da tempo, nelle istituzioni, nelle università, nel dibattito pubblico. E ci sono posizioni piuttosto innovative e avanzate. Peccato non averle volute considerare", aggiunge Orfini.

"Peraltro spesso le più innovative sono figlie del lavoro delle generazioni più giovani di professionisti dei beni culturali. Tengono conto di quello che avviene nel resto del mondo e delle caratteristiche specifiche della nostra città. Replicare stizziti alle loro obiezioni accusandoli di essere la casta accademica che non vuole cambiare mai non fa onore a Calenda e dimostra solo una scarsa conoscenza di questo settore".

"Per finire: il tema non è costruire un nuovo museone. Ma far funzionare Roma rendendo leggibile, comprensibile e fruibile la sua storia. Che vive in ogni angolo della città, che è diffusa e stratificata ovunque e che proprio per questo rende Roma un unicum. E semmai capire come intrecciare quella storia col lavoro di chi oggi fa e produce cultura. Fili spezzati che invece dovrebbero riannodarsi. Magari sembra c'entri poco, invece c'entra tantissimo".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli