A Roma parte il restauro della Fontana delle Rane a Coppedè -3-

Red/Cro/Bla

Roma, 9 set. (askanews) - Progettata nel 1920, viene realizzata quattro anni dopo (1924) con alcune interessanti varianti: al posto dell'aiuola verde circolare con ciglio lapideo viene posizionata la vasca chiamata comunemente "il laghetto".

Completavano il progetto due lampioni a candelabro che furono realizzati alternati a due panchine, tutti elementi rimossi successivamente. Inizialmente tutta la piazza era a sampietrini, oggi rimasti solo per alcune file intorno al marciapiede della fontana come ulteriore area di rispetto.

Alimentata dall'Acqua Marcia e realizzata in malta cementizia e travertino, la fontana ha una vasca con diametro di circa 10 metri, il corpo scultoreo si eleva di 2,70 metri con un diametro di 7,50 metri, mentre il bacino superiore ha un diametro di 3,50 metri; l'altezza complessiva dal piano stradale è di 4,50 metri.

(Segue)