Roma, paziente psichiatrica aggredisce medico e infermiere 118

Red/Gtu

Roma, 15 ott. (askanews) - Una paziente psichiatrica ha aggredito, questa notte a Roma, un medico e un infermiere del 118, lo rende noto la Sis 118, la Società italiana sistema 118.

Medico e infermiere erano in servizio sull'ambulanza della postazione mobile Set 118 "Treviso", quando - riferisce Sis 118 - "nel corso di una violenta crisi di agitazione psico-motoria, durante le fasi di stabilizzazione clinica mediante terapia endovenosa e relativo contenimento", la paziente ha afferrato al collo l'infermiera, tentando di strangolata, e sferrando violentissimi calci ha provocato una lussazione completa della mandibola del medico, intervenuto in soccorso all'infermiera.

"Anche questa brutale, violenta aggressione, per cui esprimo da parte mia e della Sis 118 tutta la vicinanza ai colleghi, medico ed infermiere, aggrediti, che purtroppo fa parte della durezza e della complessità intrinseca del nostro lavoro, conferma la necessità più urgente di mettere in sicurezza l'intero Sistema 118 nazionale attraverso misure strutturali", ha dichiarato Mario Balzanelli, presidente nazionale della Sis 118, aggiungendo: "Ad esempio, la presenza di piante organiche piene e non vuote, e la garanzia incentivante di indennità specifiche di rischio biologico ed ambientale per tutti gli operatori in servizio, medici, infermieri ed autisti-soccorritori". "Misure - ha concluso Balzanelli - che richiedono, con urgenza, la contrazione più cogente dei tempi previsti per la riforma legislativa".

  • Lo scandalo che coinvolge Gibson dopo l'accusa di Winona Ryder.
    Spettacolo
    notizie.it

    Lo scandalo che coinvolge Gibson dopo l'accusa di Winona Ryder.

    Dopo le recenti accuse di antisemitismo da parte di Winona Ryder, l’attore non doppierà più Rocky Bolboa, il gallo protagonista del cartoon.

  • La cantante ha parlato della fine della sua relazione
    Spettacolo
    notizie.it

    La cantante ha parlato della fine della sua relazione

    Anna Tatangelo ha parlato della rottura con Gigi D'Alessio e di come procede il loro rapporto.

  • Dagospia lancia lo scoop: Belen ha scoperto tradimento dell'ex con una nota conduttrice
    Spettacolo
    notizie.it

    Dagospia lancia lo scoop: Belen ha scoperto tradimento dell'ex con una nota conduttrice

    In base a quanto riportato da Dagospia Belen Rodriguez avrebbe scoperto una "relazione clandestina tra Stefano De Martino e Alessia Marcuzzi"

  • Assalita, legata e violentata ad Alessandria: un fermo
    Notizie
    Adnkronos

    Assalita, legata e violentata ad Alessandria: un fermo

    Resta in carcere, anche in applicazione della misura cautelare disposta dal gip, l’agricoltore ritenuto l’autore della violenza sessuale ai danni di una ragazza in provincia di Alessandria. Il sospetto dei carabinieri è che si tratti di un violentatore seriale. E' stato il padre della giovane, la notte tra il 21 e il 22 giugno scorsi, a chiamare il 112 perché la figlia, rientrata a casa, aveva raccontato di essere stata rapinata e violentata da uno sconosciuto. I carabinieri del Nucleo Radiomobile sono intervenuti sul posto e hanno raccolto il racconto della ragazza, poi trasportata con un’autoambulanza della Croce Rossa all’ospedale di Novi Ligure. La giovane ha raccontato che, verso le ore 23.40 di quella sera, mentre stava tornando a casa alla guida della sua auto, ha notato che sulla strada, vi era un grosso ramo che le ostruiva il passaggio.  Si è fermata, è scesa dall'auto per spostarlo e a quel punto ha sentito qualcosa muoversi tra i cespugli a lato della strada. Pensando potesse trattarsi di un cinghiale, anche perché poco prima ne aveva incrociato uno, spaventata, ha guardato il punto da cui provenivano i rumori, ma all’improvviso, ha visto sbucare dai cespugli un uomo che, con il viso nascosto da un passamontagna scuro ed una roncola in mano, correva verso di lei. Terrorizzata e impietrita, ha gridato, ma a quell’ora e in quel luogo nessuno l'ha sentita. Nonostante tutto, come ricostruito dai carabinieri, la ragazza è riuscita a trovare la forza per risalire in auto e chiudersi dentro, ma l’uomo, che ormai l’aveva raggiunta, con il manico della roncola ha frantumato il vetro del finestrino, aprendo la portiera. L’aggressore, estratto un taglierino e puntatoglielo alla gola, le ha intimato di spostarsi sul sedile del passeggero: “Spostati, altrimenti ti ammazzo…”, l'ha minacciata. Come ha raccontato la vittima ai carabinieri, l'uomo, salito al posto di guida, dapprima le ha legato i polsi con delle fascette da elettricista, successivamente è partito, svoltando poco dopo in una strada dissestata, inoltrandosi con l’auto nella folta vegetazione. Arrestata la marcia, ha ordinato alla ragazza di scendere e di sedersi per terra, dopodiché le ha legato con altre fascette i polsi alle caviglie. Ha poi preso la borsa della giovane dalla macchina e vi ha rovistato dentro estraendo il portafogli nel quale però non vi era denaro.  La cosa, come ricostruiscono i carabinieri in base al racconto della ragazza, lo ha fatto arrabbiare. Incurante delle suppliche della ragazza che gli chiedeva di lasciarla andare, l'uomo le ha messo la giacca di pelle attorno alla testa coprendole il viso. Quindi ha estratto di nuovo il taglierino, le ha messo una mano sul viso, premendo sulla giacca, al punto che la giovane, avendo l’impressione di soffocare, si è dimenata ed è riuscita a rompere entrambe le fascette. L’uomo a quel punto continuando a gridarle di star ferma, l'ha immobilizzata e, dopo averle puntato il coltello alla gola ed averla minacciata di star ferma altrimenti l’avrebbe uccisa, l'ha violentata. Si è poi impossessato dei suoi indumenti intimi e dopo averle ordinato di sedersi in macchina, ha cominciato a farneticare dicendole, tra l’altro, che quella sera era uscito con l’intenzione di ammazzare una donna, la prima che avrebbe incontrato. In preda al panico, la giovane ha cercato di assecondarlo, nella speranza che non le facesse altro male. L’uomo ha continuato a parlare, ma improvvisamente è tornato a minacciarla di nuovo abusando ancora di lei. Successivamente, le ha consentito di recuperare le proprie cose e l'ha fatta risalire in macchina, portandola nel luogo dove l’aveva aggredita, lungo la strada interrotta dal grosso ramo per scendere dal mezzo e dileguarsi fra i cespugli. Dopo il racconto della vittima, i carabinieri di Serravalle Scrivia, coadiuvati nelle indagini da personale del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia carabinieri di Novi Ligure, hanno individuato il luogo dove la ragazza era stata fermata e “sequestrata” dal malvivente e quello dove è avvenuta la violenza.

  • Multa da record, ex consigliere: "Nemmeno con un missile"
    Notizie
    notizie.it

    Multa da record, ex consigliere: "Nemmeno con un missile"

    In base a quanto riportato dal verbale, redatto con i dati di un autovelox, la donna viaggiava a ben 703 km/h con la sua utilitaria.

  • Zangrillo: "21 decessi in Lombardia? Non per il Covid"
    Salute
    Yahoo Notizie

    Zangrillo: "21 decessi in Lombardia? Non per il Covid"

    Per Zangrillo non sono morte a causa del virus le 21 vittime registrate giovedì 2 luglio in Lombardia.

  • L'attore risponde ufficialmente alle voci sulla sua vita sentimentale
    Notizie
    notizie.it

    L'attore risponde ufficialmente alle voci sulla sua vita sentimentale

    La risposta di Giulio Berruti al gossip sulla sua presunta relazione con Maria Elena Boschi.

  • Crisanti: "Veneto? Prevedibile, Zaia se la prenda con suoi consiglieri"
    Notizie
    Adnkronos

    Crisanti: "Veneto? Prevedibile, Zaia se la prenda con suoi consiglieri"

    "Era prevedibile, da aprile ripeto che bisogna dire la verità ai cittadini. Se si racconta che il virus è sparito le persone abbassano l'attenzione. L'ironia della sorte è che due dei firmatari del documento che sostiene questa tesi, Palù e Rigoli, siano tra i più ascoltati consulenti di Zaia". Lo afferma a 'La Stampa', Andrea Crisanti, 65 anni, ordinario di Microbiologia all'Università di Padova e virologo del modello veneto e dei tamponi mirati a Vo' Euganeo, che in diverse interviste, rilasciate anche al 'Giornale' e a 'la Repubblica', commenta quanto sta accadendo in Veneto, all'indomani delle accuse del governatore del Veneto Luca Zaia che ha puntato il dito contro alcuni comportamenti "irresponsabili" che hanno fatto nuovamente salire l'indice Rt.  Il ritorno dei contagi, spiega Cristanti, "è un dato normale. I focolai vanno dati per scontati, ma bisogna identificarli subito e spegnerli. Zaia più che arrabbiarsi con i veneti dovrebbe prendersela con i tecnici che gli stanno vicino".  Crisanti, a 'la Repubblica', spiega: "Io lo avevo detto il 7 aprile che saremmo andati incontro a un periodo con diversi focolai. L’importante è capire perché queste cose accadono. L’Italia non è in una bolla protetta, l’altro giorno nel mondo ci sono stati 215mila casi in 24 ore, è impossibile pensare di restarne fuori. E poi il virus comunque continua a circolare anche da noi. Il problema quindi non è impedire che i focolai si accendano, perché sono inevitabili, ma tenerli sotto controllo". E per controllarli "vanno fatti tanti tamponi, a tutta la rete di contatti. A parenti, amici, vicini di casa, colleghi delle persone colpite. E poi bisogna procedere con isolamenti e quarantene. In questo frangente il test sierologico non serve perché guarda soltanto al passato e noi abbiamo bisogno di intercettare chi è infetto in questo momento".  A 'Il Giornale' il virologo sottolinea che in vista dell'autunno "l’importante è contenere subito i focolai, non devono ingrandirsi. Non mi sento davvero di far previsioni su quello che potrebbe accadere ad ottobre o novembre". "Io comprendo la voglia di lasciarci la crisi dietro le spalle e di tornare ad una vita normale ma basta poco: evitare gli assembramenti e soprattutto stare attenti quando si incontrano persone che non si conoscono, evitare i contatti", osserva Crisanti.

  • E' morto il bambino di 10 anni rimasto ustionato durante un esperimento di chimica
    Stile di vita
    AGI

    E' morto il bambino di 10 anni rimasto ustionato durante un esperimento di chimica

    AGI - É morto, dopo oltre 1 mese di agonia, il bambino di 10 anni che il 27 maggio scorso si era gravemente ustionato durante un esperimento di chimica compiuto nella sua abitazione a Collegno, nel Torinese.Riccardo, ricoverato nella rianimazione dell'ospedale infantile Regina Margherita, aveva riportato il 60% di ustioni a testa, collo, torace e agli arti. Indagata per omicidio colposo la mamma. Nelle prossime ore il pubblico ministero Laura Longo verificherà un eventuale coinvolgimento della scuola e degli insegnanti. Di certo, l'esperimento di chimica era previsto nell'ambito della didattica a distanza, ma non è ancora chiaro se doveva essere di quel tipo. Il cellulare del piccolo è già stato sequestrato. Le condizioni del bambino erano apparse sin da subito molto gravi per le ustioni e per i rischi di infezione e aveva subito diversi interventi chirurgici.L'esperimento che stava effettuando era creare una serpentina da un miscuglio di bicarbonato, zucchero, sabbia e alcol. La mamma era con lui e lo stava assistendo ma la fiammata è partita all'improvviso.

  • Buffon e Ilaria D'Amico, il giallo delle nozze segrete
    Notizie
    Yahoo Notizie

    Buffon e Ilaria D'Amico, il giallo delle nozze segrete

    Le parole del portiere della Juventus durante una diretta Instagram insospettiscono i fan.

  • Meteo, lunedì caldo super ma pioggia in agguato
    Scienza
    Adnkronos

    Meteo, lunedì caldo super ma pioggia in agguato

    Nel corso della prossima settimana l'Italia vivrà un susseguirsi di cambiamenti atmosferici passando spesso da un estremo all'altro proprio come è avvenuto in questa prima parte dell'Estate. Già da lunedì è in arrivo una 'bomba calda' dall'Africa, poi però attenzione ad una possibile trappola temporalesca pronta a colpire alcune regioni. L'analisi del sito ilmeteo.it parte dalla giornata di lunedì 6 Luglio quando un promontorio dell'anticiclone africano riuscirà ad imporsi su buona parte del bacino del Mediterraneo centro occidentale. Per questo motivo ci aspettiamo una prevalenza di sole sul nostro Paese con un deciso aumento delle temperature con punte massime fin verso i 35°C specie sulle regioni tirreniche. Tuttavia non mancheranno dei rovesci specie tra Basilicata, bassa Campania e Calabria a causa di un vortice in allontanamento verso la Grecia che farà sentire ancora i suoi effetti. Dalla sera poi sono attesi dei temporali, localmente anche molto forti, sull'arco alpino centro orientale. Martedì 7 le condizioni meteo sono previste in peggioramento sulle regioni settentrionali per l'ingresso di correnti decisamente più fresche ed instabili in discesa dal Nord Europa con la possibilità di piogge e rovesci temporaleschi su Piemonte, Lombardia, Emilia Occidentale e Veneto. Da sottolineare anche le forti raffiche di Bora che spazzeranno le coste del medio alto Adriatico con mare molto mosso. Anche le temperature subiranno un deciso calo con valori che si porteranno leggermente sotto la media del periodo. Al Centro Sud invece prosegue la fase calda e soleggiata, anche qui però soffieranno intensi venti dai quadranti settentrionali. Da mercoledì 8 l'alta pressione è prevista in rinforzo sul nostro Paese, spazio quindi ad un maggior soleggiamento su tutti i settori salvo qualche nube di passaggio in più al Nord Ovest, ma senza precipitazioni di rilievo. Anche giovedì 9 e venerdì 10 avremo due bellissime giornate tipicamente estive con tanto sole e temperature diffusamente oltre i 29/30°C nelle principali città. Per il successivo weekend le incertezze aumentano, visto anche la distanza temporale, ma sembrerebbe che un nuovo vortice ciclonico possa impattare sul Nord Italia con il rischio di rovesci temporaleschi intensi dapprima sulle Alpi in estensione poi anche alle vicine pianure. Di questo però avremo modo di ripararne dei prossimi aggiornamenti.

  • Yacht che fu di Bowie torna a navigare grazie ad aziende del Lazio
    Spettacolo
    Askanews

    Yacht che fu di Bowie torna a navigare grazie ad aziende del Lazio

    Il Benetti in acqua con il refit realizzato dalla Blue di Ostia

  • Maram è scomparsa dal 1 luglio
    Notizie
    notizie.it

    Maram è scomparsa dal 1 luglio

    Paura a Perugia dove Maram è scomparsa dal 1 luglio: la 15enne era uscita per andare in piscina.

  • Rapporti intimi in hotel: nuovi contagi in Australia
    Notizie
    Yahoo Notizie

    Rapporti intimi in hotel: nuovi contagi in Australia

    Trentuno dei nuovi contagi proveniva dallo Stamford Plaza di Melbourne, un hotel dove passavano la quarantena coloro che rientravano da viaggi all'estero.

  • Tumori, la denuncia: "Mio padre senza terapia perché manca il farmaco"
    Salute
    Adnkronos

    Tumori, la denuncia: "Mio padre senza terapia perché manca il farmaco"

    Pazienti oncologici in attesa di un farmaco che non si trova più da mesi e anche la sua possibile alternativa è carente. Accade in Italia in un ospedale della Capitale. A denunciare il caso è la figlia di un 73enne, che non si arrende a quanto può accadere in un Paese con il servizio sanitario giudicato, a livello internazionale, tra i migliori al mondo. "Mio padre è in cura da un anno per un carcinoma vescicale con annesse recidive. Per allungare i tempi della ripresa della malattia e scongiurare eventuali nuove recidive - ricostruisce Francesca F. all'Adnkronos Salute - l'iter diagnostico prevede per questa malattia diversi cicli di instillazioni chemioterapiche vescicali, nel caso di mio padre si tratta di instillazioni di Bcg (bacillo di Calmètte Guérin) con il farmaco Bcg Medac*".  Ebbene, attualmente questo farmaco e anche l'alternativa Oncotice* di Msd risultano carenti in Italia "e l'ospedale non sa darci una risposta - rimarca la ragazza - ho già chiesto aiuto al viceministro della Salute Sileri e ora vorrei l'intervento del ministro della Salute Speranza". Le difficoltà a reperire questi due medicinali è nota alla Siu, la Società italiana di urologia. "Nella nostra esperienza confermiamo la carenza di Bcg Medac", riferiscono gli esperti interpellati dall'Adnkronos Salute. Il motivo, escluso quello legato al lockdown Covid-19, potrebbe riguardare - secondo fonti attendibili - la difficoltà da parte delle aziende nel reperire alcuni componenti, le 'starting material', che servono a produrre il principio attivo.  "Mio padre al momento sta bene - prosegue Francesca - l'ultimo controllo a maggio non ha evidenziato recidive e quindi avrebbe dovuto fare tre instillazioni vescicali (una a settimana) di mantenimento (ne aveva già fatte 6, senza problemi, a cavallo tra gennaio e febbraio). Quando sono andata in ambulatorio, l'oncologa mi ha detto che il farmaco sarebbe dovuto arrivare a metà giugno, ma così non è stato".  "Le ho chiesto se questo ritardo nell'inizio della terapia avrebbe comportato rischi maggiori; lei mi ha risposto, testuali parole, 'che non si correvano rischi e che comunque mancando il farmaco, non avevano scelta'. Ma d'altronde, che mi doveva dire se non questo, vista la situazione? - chiede non nascondendo una certa preoccupazione per la situazione - Ho parlato anche con la segretaria dell'ambulatorio, mi hanno risposto dicendo che forse il farmaci sarebbe arrivato a metà luglio". Di fronte alle risposte evasive da parte dell'ospedale e all'impossibilità di avere certezze su quando i farmaci saranno di nuovo disponibili, la figlia sta facendo di tutto per risolvere la situazione. "Ho scritto al viceministro Sileri, che mi ha risposto tramite la sua segreteria e scriverò preso al ministro della Salute Roberto Speranza - sottolinea - Vogliamo delle risposte da chi guida la sanità italiana, non mi fermerò finché il farmaco non sarà di nuovo disponibile per mio padre e per tutte le persone che stanno vivendo la nostra stessa situazione".  La carenza è attestata anche dall'Aifa. "Il medicinale Bcg Medac è carente dal 18 aprile 2019 per problemi produttivi dell’azienda titolare dell’autorizzazione al commercio - sottolinea l'Agenzia italiana del farmaco, contatta sul caso - il titolare Medac ha comunicato in data 26 giugno 2020 che il medicinale tornerà disponibile, se pur con quantitativi ridotti, e quindi in distribuzione contingentata, già a partire da metà luglio".  Oncotice, l'alternativa terapeutica, "è carente dal 30 gennaio 2020; per questo medicinale sono previste delle forniture nel mese di luglio, che però presumibilmente non permetteranno la fine della carenza (prevista per il 15 luglio 2020), in considerazione dei numerosi ordini accumulati in questo periodo". Un piccolo spiraglio dovrebbe quindi aprirsi per i malati, ma molto dipende anche dall'ospedale e dall'Asl. Infatti a Roma altre grandi strutture hanno ancora scorte di entrambi i farmaci. Ma i problemi riguardano anche il resto d'Italia.  "Poiché al momento né Medac né Msd sono in grado di garantire una fornitura adeguata dei medicinali a base di Bcg, per consentire il proseguimento della terapia per i pazienti in trattamento", l’Aifa rilascia alle strutture sanitarie (ospedali e Asl) che ne fanno richiesta "l’autorizzazione a importare dall’estero un prodotto analogo". Nei casi di carenze prolungate le aziende non possono lasciar passare troppo tempo senza dare una risposta o prorogando ancora l'irreperibilità del prodotto perché scatterebbe la sanzione da parte dell'Aifa.  Bcg è l’acronimo di Bacillo di Calmètte-Guerin, un ceppo batterico attenuato utilizzato fin dal 1920 come vaccino sull’uomo per la prevenzione della malattia tubercolare. Dal 1976 viene utilizzato come farmaco antitumorale, in quanto, stimolando una reazione immunitaria locale, è efficace nel prevenire recidive neoplastiche. Dopo aver subito una resezione transuretrale di tessuto vescicale per neoplasia superficiale, può essere necessaria l’instillazione con Bcg per distruggere lamalattia o prevenirne una recidiva.  L'emergenza coronavirus ha riproposto l'uso, come vaccino, del Bcg come possibile arma contro il Covid-19 e negli Usa è stato testato. Ma le carenze in Italia non sarebbero legate a questa seconda vita del farmaco.  Secondo l'Airc, quello della vescica rappresenta circa il 3% di tutti i tumori e, in urologia, è secondo solo al cancro della prostata. "È più comune tra i 60 e i 70 anni ed è tre volte più frequente negli uomini che nelle donne. Alla diagnosi il tumore della vescica è superficiale nell'85% dei casi, infiltrante nel 15%". In base ai dati del Registro tumori, in Italia nel 2017 sono stati stimati circa 27.000 casi di tumore vescicale, considerando sia le forme infiltranti sia quelle superficiali. Sempre secondo l'Aric, "la sopravvivenza a cinque anni, in Italia, è di circa l’80% sebbene sia molto frequente la probabilità di recidiva, cioè della ricomparsa del tumore anche a distanza di tempo".

  • Paura nel nord Italia
    Scienza
    notizie.it

    Paura nel nord Italia

    Il maltempo in Italia fa paura al nord: allagamenti e alberi sradicati. Altro che estate per il primo weekend di luglio.

  • Muore folgorato ragazzo di 33 anni mentre era al lavoro
    Notizie
    notizie.it

    Muore folgorato ragazzo di 33 anni mentre era al lavoro

    Tragedia sul lavoro a Napoli: ragazzo di 33 anni muore fulminato. Lascia la moglie e un figlio.

  • Valeria: "L'ho perdonato perché sento di avere dentro delle colpe"
    Notizie
    notizie.it

    Valeria: "L'ho perdonato perché sento di avere dentro delle colpe"

    Ciavy ha rivelato di non essere innamorato di Valeria, mentre lei ha raccontato il tradimento.

  • Giorgio Medaglia trovato senza vita nel fiume
    Notizie
    notizie.it

    Giorgio Medaglia trovato senza vita nel fiume

    Il 34enne Giorgio Medaglia è stato ritrovato senza vita nelle acque del fiume Adda.

  • Politica
    AGI

    Centrodestra in piazza, e Salvini dice "Questa è la prossima squadra di governo"

    AGI \- Il centrodestra è tornato in piazza per protestare contro le politiche del governo nella prima vera manifestazione da inizio pandemia. Senza bandiere o simboli di partito, la coalizione si è ritrovata, a partire dalle 10, in piazza del Popolo, a Roma, sotto lo slogan 'Insieme per l'Italia del lavoro'. Sul palco, il vice presidente di Forza Italia Antonio Tajani, la presidente di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni e, a chiudere, il segretario leghista Matteo Salvini; in piazza, i militanti dei tre partiti rigorosamente 'distanziati' nel rispetto delle norme anti-contagio da Covid 19."Lo dico ai giornalisti più provate a farci litigare più ci date la forza di stare uniti per il Paese", ha detto nel suo internto Matteo Salvini, a sottolineare nel suo intervento alla manifestazione 'Insieme per l'Italia del lavoro', parlando della coalizione del centrodestra. Salvini ha detto di fidarsi "totalmente" di Forza Italia. "Oggi in questa piazza c'è la squadra che governerà il Paese nei prossimi anni". "Una Italia federale e presidenziale", è quella che sogna Matteo Salvini, che ha sottolineato: "Sono le due riforme che vedo come priorità del prossimo governo che spero avrò l'onore di guidare. Viva l'Italia intera e tutta, unita generosa, che però ha bisogno di riforme: federalismo e presidenzialismo"."Alle regionali siamo in campo per vincere, ma noi vogliamo votare anche per le elezioni politiche, sappiamo che l'Italia ha un bisogno disperato di liberarsi di questo governo", ha affermato Così Giorgia Meloni. "Noi - ha aggiunto - vinceremo le elezioni Regionali ma non ci basta e se questi signori rimarranno attaccati alla poltrona, quando scenderemo in piazza a ottobre, saremo due milioni. Non saremo più una piazza contingentata. Tenetevi pronti. Toccherà a noi dare all'Italia un governo solido. Libereremo l'Italia dalla zavorra di questi incapaci", ha attaccato. La leader di Fratelli d'Italia ha poi ricordato: "Abbiamo dovuto contingentare gli inviti ci mancava ci dovessero far pagare i biglietti . Curiosamente quando si manifesta contro il governo c'è rischio di contagio. Noi non consentiremo che le mascherine diventino bavagli. Non ci farete stare stare in silenzio, non ci fate paura. Loro vorrebbero che la democrazia si trasformasse in reality show. ci hanno ammorbati con la serie 'Il decreto', poi 'La villa dei famosi, ora 'Chi l'ha visto?'" perchè del documento con le proposte del governo non c'è traccia". Il vicepresidente di Forza Italia, Antonio Tajani, ha ribadito: "Certo che la via maestra è quella delle elezioni anticipate. Speriamo che ci mandino a votare questi signori. Finchè non ci sarà un governo di centrodestra non ci fermeremo". L'esponente forzista è tornato anche a parlare del caso dell'audio del giudice Franco sulla condanna di Silvio Berlusconi nel processo per i diritti tv Mediaset: "Quella contro Berlusconi è una sentenza firmata da un plotone di esecuzione che prendeva ordini dall'alto. Vogliamo sapere chi dava ordini dall'alto. E' per questo che chiediamo una commissione di inchiesta. E' quello che vogliono far passare anche a Matteo Salvini, siccome non possono vincere con il voto del popolo, vincono con golpe giudiziari. Se non ci fosse stato quella sentenza l'Italia da allora avrebbe avuto solo governi di centrodestra".Parallelamente alla manifestazione di piazza del Popolo, la Lega ha organizzato in tutta Italia circa 2000 gazebo per la raccolta firme per la sospensione della riscossione delle cartelle di Equitalia, contro la regolarizzazione dei migranti agricoli e contro le modifiche al taglio dei vitalizi degli ex parlamentari. Mentre FdI promuove una raccolta firma per chiedere le elezioni anticipate.Il progetto originale prevedeva che la manifestazione si tenesse al Circo massimo, ma gli organizzatori non sono riusciti a ottenere lo spazio perchè occupato e si sono dovuti 'accontentare' delle 4.280 presenze imposte dalla prefettura.

  • Conti: "Se guardassi solo ai soldi, sarei già andato via da tempo"
    Notizie
    notizie.it

    Conti: "Se guardassi solo ai soldi, sarei già andato via da tempo"

    Carlo Conti ha rivelato di non aver mai pensato di passare alla concorrenza, nonostante la possibilità di poter ottenere dei guadagni più alti

  • Covid, matematica mostra "morti anomale in Italia"
    Notizie
    Yahoo Notizie

    Covid, matematica mostra "morti anomale in Italia"

    All’inizio dell’epidemia di Covid-19, in Italia si è verificato un “picco anomalo di decessi” mentre in Iran, mentre Singapore, Sud Corea, Qatar e Australia si sono registrati livelli eccezionalmente bassi.

  • Covid, aumentano i contagi in Svizzera: pronte nuove restrizioni
    Notizie
    notizie.it

    Covid, aumentano i contagi in Svizzera: pronte nuove restrizioni

    In Canton Ticino è stato reintrodotto il divieto di assembramento fino al prossimo 19 luglio, a seguito di due nuovi focolai scoppiati nella zona.