Roma, Pd: dopo dimissioni Cda Ama c'è sospetto spinta fallimento

Sis

Roma, 1 ott. (askanews) - "Le dimissioni del Cda di Ama rischiano di trascinare la società in un punto di non ritorno con la conseguenza sciagurata di generare ulteriore caos nella raccolta e nello smaltimento dei rifiuti della capitale. La misura è colma. C'è il sospetto grave che nell'amministrazione capitolina qualcuno voglia procurare un fallimento per favorire gli appetiti di privati. Affossare Ama attraverso ripetute contestazioni di bilanci, mancati pagamenti e continui cambi dei vertici mortifica la continuità gestionale della società e favorisce il caos, i disservizi organizzativi e logistici. Se l'intenzione è quella di far morire Ama, noi ci opporremo con tutte le nostre forze. Fermare la deriva dei fallimenti pilotati dell'amministrazione Raggi è possibile è tempo di nominare un commissario per Ama che tolga i poteri a Roma capitale e eviti il disastro". Così in una nota il gruppo capitolino del Pd.