Roma, Pd Mun.I: contrari a McDrive Caracalla, dialogo con città

Sis

Roma, 31 lug. (askanews) - "Il Partito Democratico del I Municipio è contrario alla realizzazione di un fast food a Caracalla e, nel rispetto delle norme e dell'iter amministrativo, svolgerà una funzione di indirizzo politico e di controllo rispetto a questa posizione, a partire da quanto comunicato dal Mibac questa mattina circa la decisione di agire in autotutela. L'orientamento contrario è stato condiviso ieri in serata alla Festa dell'Unità di Roma in una riunione dell'organismo direttivo del Pd del centro della capitale con gli amministratori e i dirigenti raccogliendo le istanze dei tantissimi cittadini e associazioni che si sono mobilitati in questi giorni". Così in un comunicato il Partito Democratico I Municipio.

"Nella riunione di ieri sera - continua la nota - è stato esaminato approfonditamente l'iter amministrativo seguito finora con il supporto del Vice Presidente Jacopo Emiliani Pescetelli e del consigliere Stefano Marin, (lo ringraziamo insieme agli altri amministratori intervenuti), che proprio ieri ha riunito la Commissione Lavori Pubblici, con l'audizione tra gli altri di Prosperetti. Non vogliamo togliere nulla alla legittima iniziativa privata che in altri casi, a proposito di realtà virtuose e a tradizione famigliare nel centro, viene anzi spesso messa in difficoltà dai pareri e vincoli".

"Occorre però continuare ad essere il presidio e il riferimento per i residenti, per la tutela paesaggistica e culturale, per il rispetto delle regole da far applicare a tutti gli operatori commerciali (grandi e piccoli) e della trasparenza - continua il Pd - dialogando con i nostri rappresentanti istituzionali a livello locale, regionale e nazionale per declinare la nostra idea di partito della crescita favorendo al contempo però una vocazione turistica ed enogastronomica di qualità, tradizione ed innovazione".

Quindi, continuano "ribadiamo, eserciteremo la funzione di indirizzo e controllo su Caracalla, lavorando più in generale da settembre con i nostri tavoli tematici per proposte e interventi normativi/regolamentari in materia di commercio, valorizzazione e tutela del patrimonio culturale e decoro", concludono.