Roma, Pelonzi(Pd): presentati 20 odg per far fronte a emergenza

Sis

Roma, 13 mar. (askanews) - "Oggi deve prevalere il senso di responsabilità, le forze politiche devono mettere da parte i conflitti anche aspri che caratterizzano il normale confronto democratico. Colgo l'occasione per ringraziare la sanità regionale: i medici e gli infermieri che sono straordinari in queste ore e chi senza soluzione di continuità sta lavorando per proteggere la salute dei cittadini. Anche oggi prima dell'aula la capigruppo ha continuato a svolgere il ruolo di coordinamento ed indirizzo per fare fronte all'emergenza e lo farà per tutta la durata della crisi. Come gruppo PD Campidoglio abbiamo presentato 20 Odg, proposte per far fronte alle urgenze che pone l'applicazione dei decreti governativi. Auspichiamo che le nostre proposte possano diventare effettive attraverso atti di giunta e/o ordinanze". Così nel suo intervento in Aula il capogruppo del Pd capitolino Giulio Pelonzi. In sintesi l'elenco dei provvedimenti che il Pd chiede alla Giunta Raggi di adottare: sospendere ogni pagamento per i servizi quali mense e rette scolastiche; Sospendere procedure amministrative non relative all'emergenza, compresi gli sfratti, attivandosi presso il Prefetto; Sospendere ogni scadenza legata ai tributi, tariffe, contributi o sanzioni di Roma Capitale; Prevedere l'istituzione di un fondo unico a sostegno del reddito anche attraverso i risparmi per i servizi non erogati; Concentrare le azioni di polizia capitolina al contrasto all'emergenza, dotandoli dei necessari dispositivi di sicurezza; Sospendere il pagamento delle strisce blu per consentire gli spostamenti in autovettura; Limitare i trasporti pubblici agli orari estivi, dotare il personale dei necessari dispositivi di sicurezza e sanificare i mezzi di trasporto; dotare tempestivamente tutto il personale in servizio degli idonei dispositivi di sicurezza (trasporto, polizia capitolina, assistenti alle persone con disabilità, assistenti sociali e psicologi, Ama); Tutelare il livello salariale dei lavoratori costretti a stare a casa a causa della presenza di familiare immunodepressi; Tutelare i lavoratori delle società in convenzione con Roma Capitale di cui è stato sospeso il servizio con riguardo al livello salariale; Chiudere tutti gli uffici pubblici non necessari a far fronte all'emergenza covid 19 o all'erogazione di servizi essenziali; Estendere lo smart working a tutte le municipalizzate, ove non possibile per lo svolgimento dei servizi essenziali, prevedere un periodo di retribuzione minima; Attivarsi presso il governo per garantire indennizzi a tutte le attività commerciali danneggiate dalla crisi; Attivare d'intesa con regione e governo, tutti gli strumenti utili a proseguire i corsi scolastici, universitari, anche della terza età; Sospendere mutui, affitti relativi a stabili pubblici delle società controllate; Prorogare la scadenza dell'iscrizione ai nidi di un mese; Garantire le forniture di acqua, gas e luce anche in assenza di pagamenti relativi o in presenza di procedure di sfratto; Modificare la percentuale di erogazione del contributo per il bando dell'estate romana e alle manifestazioni e agli eventi culturali, portandolo dall'attuale 85% al 100%; Sanificare tutti gli spazi pubblici comunali, compresi parchi e ville, uffici dipartimentali, municipali, delle società controllate, mercati rionali e soste di rotazione. Per questa ultima tipologia far rispettare le norme previste dal Decreto Governativo per gli esercizi di somministrazione alimentare e tenere aperte solo le strutture che consentono la puntuale applicazione del decreto governativo riguardo l'accesso in sicurezza dei clienti; Sospendere sul cedolino dei dipendenti capitolini la rata trattenuta dei prestiti fiduciari, bancari, buoni del sindaco contratti dagli stessi con l'IPA di Roma Capitale; Ordinare alle imprese che operano l'erogazione dei servizi da parte del Comune (pulizie e sanificazione) a dotare idonei dpi il personale; in assenza ridurne l'attività con le ooss.