Roma, per i cittadini male tutti i servizi: si salva solo l'acqua

Sav

Roma, 30 set. (askanews) - I cittadini di Roma bocciano i servizi pubblici locali della città tranne quello idrico, a cui va il voto più alto, mentre l'igiene urbana tocca il fondo; i più soddisfatti della vita nel proprio quartiere sono i residenti dei Municipi X e III rispetto a quelli del Centro; valutazioni migliori espresse da giovani e studenti; romani in generale più pessimisti: solo il 18% esprime aspettative positive per il futuro. Sono i risultati principali che emergono dalla 12ma edizione dell'Indagine sulla Qualità della vita e dei servizi pubblici a Roma svolta dall'Agenzia per il controllo e la qualità dei servizi pubblici di Roma Capitale, presentata in Campidoglio, che fornisce un quadro completo sulla percezione che gli utenti, occasionali o abituali, hanno dei 18 servizi pubblici locali e della qualità della vita in città sia nel suo complesso, sia nella propria zona di residenza.

In generale il giudizio medio dei cittadini, che non raggiunge la sufficienza dal 2014, torna a scendere da 5,33 dello scorso anno a 5,3 del 2019: ad abbassare la media sono soprattutto i voti attribuiti al trasporto pubblico di superficie (4,1 per autobus e tram, nel 2018 era 4,4) e alla raccolta rifiuti e pulizia delle strade, che incassano rispettivamente 2,7 e 2,8, quasi un punto in meno rispetto allo scorso anno (3,8 e 3,5). Il voto più basso in assoluto, 2,5, è stato attribuito dai residenti del I Municipio alla pulizia delle strade e da quelli del XIV alla raccolta dei rifiuti. Le principali criticità, secondo i fruitori abituali, riguardano la qualità dei servizi per il 44,3% e l'accessibilità per il 15%, seguite da costo e sicurezza, mentre circa il 27% dichiara di non riscontrarne alcuna.

In generale, a conferma della grave insoddisfazione dei romani, tutti i 18 servizi pubblici considerati risultano in flessione, tranne uno: solo il giudizio sull'acqua potabile, infatti, è in ripresa con un voto di 7,8 rispetto a 7,5 del 2018, ed è il più alto di tutti. A registrare la sufficienza sono 9 servizi su 18: dopo quello idrico seguono i servizi culturali, tutti al di sopra del 6 ma con un calo di valutazione di circa mezzo voto ciascuno, alcuni servizi sociali (tranne quelli municipali, per i quali i cittadini hanno espresso un voto di 5,5) e, nel campo della mobilità, i taxi, che risultano appena sufficienti (6,0). (Segue)