Roma, perquisizioni alla Link University: 14 indagati -2-

Nav
·1 minuto per la lettura

Roma, 15 lug. (askanews) - Simulando l'esecuzione di progetti di ricerca e sviluppo, la Link University e il Consortium for research on intelligence and security services avrebbero maturato - si legge nel decreto di perquisizione - "inesistenti crediti di imposta che avrebbero poi utilizzato in compensazione in occasione del versamento delle imposte da loro dovute". Secondo gli inquirenti della Procura di Roma, coordinati dall'aggiunto Stefano Pesci, i soldi sottratti all'erario nella sostanza ammonterebbero ad oltre 10 milioni di euro. Tra gli indagati ci sono diverse figure di vertice dell'universit, tra cui il rettore Claudio Roveda; il presidente della societ di gestione 'Gem' Vanna Fadini; il membro del Consiglio d'amministrazione e presidente della scuola per le attivit Undergraduate e Graduate, Carlo Maria Medaglia; il direttore generale Pasquale Russo. Secondo i pubblici ministeri le diverse societ coinvolte hanno poi "ottenuto indietro parte del denaro versato alle societ commissionarie attraverso l'emissione di fatture per operazioni inesistenti con conseguenti movimenti finanziari di rientro delle somme originariamente versate". L'indagine a Roma nasce da una serie di informative del nucleo di polizia economico finanziaria della Gdf e da parte degli uffici ispettivi dell'Agenzia delle entrate.