Roma, Piccolo (Pd): Raggi riapra aree cani come in altri Comuni

Sis
·1 minuto per la lettura

Roma, 29 apr. (askanews) - "Il 4 maggio inizierà la Fase 2, della cosiddetta convivenza con il coronavirus. Portare fuori il cane è tra le attività consentite dai decreti del Governo sul Covid_19 ma a Roma non si può entrare nelle aree verdi riservate ai cani, neanche quelle ubicate al di fuori dei parchi cittadini. La città si sta riempiendo di deiezioni canine, un po' per la noncuranza dei padroni e un po' perché non ci sono più i cestini o i contenitori appositi per smaltirle. C'è la necessità che sia consentito al più presto l'accesso alle aree specifiche per cani. Per le sue esigenze fisiologiche, l'animale domestico può essere portato fuori ma l'accesso non è consentito anche laddove potrebbe essere facilmente regolamentato. Considerando che i parchi, le ville e i giardini pubblici sono vietati, al cane non resta che farla sull'asfalto o sui marciapiedi. Chiediamo alla sindaca di predisporre al più presto la riapertura delle aree cani così come è stato predisposto già in altre città italiane, le strade di Roma ne potrebbero sicuramente giovare dal punto di vista igienico". Così in una nota la consigliera del PD capitolino Ilaria Piccolo.