Roma, polemica social tra Calenda e l’ex candidato 21enne col Rolex

·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 9 nov. (askanews) - Piccola polemica social tra il giovane ex candidato della lista civica Calenda Roman Pastore, uscito dalla competizione dopo aver sfoggiato un Rolex nei materiali di propaganda, che su Twitter ha condiviso uno screenshot del social dell'europarlamentare e neoeletto consigliere capitolino che lo aveva bloccato. "Carlo Calenda ma come? Mi candido con te, mettendoci la faccia a soli 21 anni. Ricevendo insulti, minacce e cattiveria - è stata l'obiezione pubblica di Pastore - . Mi chiamano stampa e tv e per evitare strumentalizzazioni mi faccio giustamente da parte. Ora perché esprimo perplessità su certe tue dichiarazioni mi blocchi?". "Ma che ne so io della vita di Pastore? Il problema è che diventano virali delle idiozie - è stata la replica di Carlo Calenda nella sua intervistato a 'Oggi è un altro giorno´ su Rai 1 -. Lo sblocco, gli mando dei fiori e un bacio". "L'ho difeso molte volte - ha continuato Calenda - non l'ho bloccato io. Il mio team social blocca tutti quelli che insultano, non so come ci è finito lui". Calenda è tornato anche sulle vecchie polemiche: "l'ho difeso - ha detto di Pastore - ma quando fai campagna elettorale non metti un orologio da 40mila euro, è poco elegante, anche se ha tutto il diritto di averlo. Lo farò sbloccare subito". La chiusura del leader di Azione riguarda la stampa: "A Roma ho fatto campagna elettorale per mesi, e mi hanno rotto le balle su un candidato di 21 anni con l'orologio. La politica avrà problemi, ma il giornalismo li ha giganteschi", ha concluso.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli