Roma, presidente Casa Donne: bene emendamento, Raggi mai sentita

Sis

Roma, 5 feb. (askanews) - "Abbiamo saputo che alla Camera è stato presentato un emendamento al Milleproroghe per garantire il proseguimento delle attività della Casa Internazionale delle Donne. È un emendamento che, se votato, per noi avrà un risultato positivo, perchè da tempo aspettiamo una soluzione. Ma è il relatore dell'intera maggioranza in Parlamento che lo ha proposto, la Raggi non l'abbiamo mai sentita. Da più di un anno attendiamo dalla sindaca di Roma una risposta al problema della transazione economica per la risoluzione definitiva del debito e la richiesta nella Convenzione di un comodato gratuito per il riconoscimento del valore sociale delle attività della Casa, come di tutti gli altri luoghi delle donne". Così la presidente della Casa Internazionale delle Donne di Roma Maura Cossutta sul suo profilo Fb della Casa, in merito all'emendamento al Milleproroghe da 900mila euro che sanerebbe la situazione debitoria del Consorzio nei confronti di Roma Capitale. Il debito, la cui entità è stata contestata dal Consorzio, ha portato, per iniziativa della Giunta Raggi, alla rescissione della preesistente convenzione con il Comune.