Anomalie in firme per Raggi. Sindaca: Nessuna irregolarità

redazione web
Roma, presunte incongruenze raccolta firme Raggi. Sindaca replica: Nessuna irregolarità

Ieri, un servizio andato in onda su Le Iene (programma di Italia 1) ha fatto emergere presunte incongruenze nella raccolta delle firme per la sindaca Virginia Raggi. Il servizio dal titolo 'C'è un falso nella candidatura del sindaco Raggi?' indaga su un episodio del 2016 durante la campagna elettorale sollevato dal consigliere comunale della Lista Marchini Alessandro Onorato. Onorato sostiene che nel modulo con cui si presentano le firme dei cittadini sia segnata la data del 20 aprile 2016 con l'indicazione di 1352 firme ma il 'Firma Day' del M5S, ovvero il giorno della raccolta, è stato il 23 aprile, tre giorni dopo. Come facevano, si chiede il servizio, a sapere il numero esatto di firme? 

Dubbi anche sui soli dieci cancellieri che hanno raccolto le firme in 20 banchetti disseminati in varie zone della Capitale. L'inviato del programma Filippo Roma rilancia le perplessità sollevate da Onorato e ne va a chiedere conto, prima ai delegati pentastellati e poi alla sindaca, intercettata sulle piste di sci delle Dolomiti dove la Raggi ha trascorso un periodo di riposo. "Chiedete ai delegati di lista, io ero candidata" risponde la Raggi, visibilmente infastidita. Ma Filippo Roma aveva interpellato anche i delegati 5 Stelle Alessandro Canali e Paolo Morricone, secondo i quali è tutto regolare. Diverso invece il parere  dell'esperto di diritto amministrativo Bruno Santamaria che dice: la legge non prevede quello che sostengono i pentastellati, anche al comune di roma fanno sapere: "Qualche stranezza c'è".

La sindaca Raggi ha replicato: "Effettueremo anche ulteriori controlli e verifiche ma da quello che mi viene rappresentato dai miei stessi delegati non c'è alcuna irregolarità".

Sulle presunte firme false monta la polemica. Il Pd attacca. "Dopo Palermo e Bologna firmopoli a 5 Stelle anche a Roma? Il servizio comparso nel corso della trasmissione 'Le Iene' apre interrogativi enormi sulla validità delle firme raccolte nella Capitale per la candidatura di Virginia Raggi. Quanto sembra emergere dal servizio televisivo pare prefigurare una vera e propria truffa ai danni dei romani. Di Maio e Grillo hanno nulla da dire?". Lo scrive in una nota il parlamentare del Pd, Andrea Romano. "Servono risposte chiare e non balbettii come quello fornito dalla Sindaca - aggiunge - che mancava poco dicesse all'inviato de 'Le Iene' che era candidata a sua insaputa". 

Usando Yahoo accetti che Yahoo e i suoi partners utilizzino cookies per fini di personalizzazione e altre finalità