Roma, Radicali: sequestro CasaPound anche grazie nostra denuncia

Sis

Roma, 5 giu. (askanews) - "Le indagini che hanno portato al sequestro dello stabile occupato da CasaPound in via Napoleone III a Roma sono partite dai gravissimi fatti di Casal Bruciato che, insieme alle associazioni 21 Luglio e A Buon Diritto, avevamo denunciato alla procura della Repubblica di Roma a maggio dello scorso anno. Tra le ipotesi di reato contestate, infatti, le attivit di propaganda e istigazione alla discriminazione razziale, etnica e religiosa che avevamo sottolineato nel nostro esposto". Cos in una nota Francesco Mingiardi e Simone Sapienza, segretario e presidente di Radicali Roma. "I fatti di un anno fa a CasalBruciato, quando CasaPound tent di impedire con la violenza a una famiglia rom di entrare nell'appartamento regolarmente assegnatole, sono gravissimi - continuano i Radicali -. CasaPound e altre formazioni di estrema destra riuscivano ad intercettare in anticipo i provvedimenti di assegnazione delle case popolari ed era loro consentito di organizzare vere e proprie imboscate xenofobe. A Roma l'emergenza abitativa deve essere governata con l'unico obiettivo di superare il disagio sociale legato all'insufficienza e all'inadeguatezza di soluzioni abitative e, per questo, non pu subire condizionamenti e strumentalizzazioni fasciste", concludono.