Roma, ragazzino investito all'Infernetto. Era sulle strisce

webinfo@adnkronos.com

di Silvia Mancinelli  

"L'ho baciato, aveva ancora la bocca aperta. Gli ho messo l'apparecchio, ma che importa l’apparecchio? Aveva 14 anni, una vita davanti e me lo hanno falciato così. Adesso io come faccio?". Così la mamma davanti al corpo del figlio ancora sull'asfalto, coperto dal lenzuolo bianco in via Cilea, all'Infernetto. L'incidente mortale la sera di lunedì. Un ragazzino di 14 anni è morto, investito da una macchina all'altezza della scuola. Violento l'impatto con la Peugeot 108 diretta verso via Wolf Ferrari. Lo avrebbe investito mentre attraversava per primo sulle strisce pedonali, alle spalle gli amici suoi coetanei che erano con lui. La corsa dell'utilitaria sarebbe continuata per altri 30 metri, finalmente terminata proprio davanti all'ingresso della scuola Mozart. Sul posto decine di ragazzini, i familiari e i tanti residenti, corsi in strada appena sentito l'impatto, oltre agli agenti della polizia locale e i carabinieri.  

VIDEO -Scontro fra tre mezzi sulla A1, quattro morti