Roma, Raggi: con Pums sfatiamo che M5S è contro grandi opere

Sis

Roma, 7 ago. (askanews) - "Il Piano per la mobilità urbana sostenibile è stato costruito assieme ai cittadini, e sfata il mito che il M5s è contro grandi opere: non è così noi siamo a favore delle opere utili". Lo ha detto la sindaca di Roma Virginia Raggi presentando il Piano per la mobilità approvato la scorsa settimana dall'Assemblea capitolina. "Questo piano è un regalo che amministrazione fa ai suoi cittadini", ha aggiunto Raggi "un programma realistico, per cui stiamo già ottenendo i finanziamenti dal ministero", ha precisato. Il Piano contiene la "cura del ferro" che il M5S vuole somministrare alla Capitale: dalle celeberrime funivie Battistini-Casalotti e Villa Bonelli-Magliana-Eur Magliana; i tram Verano-Stazione Tiburtina, Piazza Vittorio-Largo Corrado Ricci Fori Imperiali/Piazza Venezia, finanziati con fondi Mit a valere sul 2018, con una coda nel 2019 per l'ultimo progetto. Sempre sui fondi Mit 2018 si conta per la linea tram Roma-Giardinetti da Termini a Tor Vergata e Tangenziale Tranviaria Est Subaugusta-Viale Palmiro Togliatti-Ponte Mammolo mentre il collegamento Tranviario Stazione Termini-Piazza Venezia-Piazza Risorgimento sarà sostenuto con fondi 2019. Fuori dagli impegni già programmati, ma tra i progetti prioritari infrastrutturali troviamo il potenziamento ed adeguamento della linea ferroviaria Roma Lido e trasformazione in Metro E; il potenziamento ed adeguamento della linea ferroviaria Roma Nord e trasformazione in Metro F; la Stazione Torrino e Giardini di Roma sulla Roma-Lido; il miglioramento della funzionalità del nodo Stazione Ostiense-Piramide MBPorta S.Paolo; il nodo di scambio Ponte Lungo Metro A- Stazione Tuscolana FL e, infine, il nodo di scambio Libia Metro B1-Stazione Nomentana FL.