Roma, Raggi: da giugno rimossi 77 impianti abusivi pubblicità

Red/rus

Roma, 16 set. (askanews) - "Siamo su via Salaria, nei pressi di Villa Ada. E quella che vedete è l'immagine del prima e dopo l'intervento di rimozione di un impianto pubblicitario abusivo. Si tratta di una delle 77 azioni portate a termine dal giugno scorso, data di aggiudicazione del servizio, che saranno seguite a ruota da interventi rapidi e necessari in tutta Roma".

A spiegarlo in un post su Facebook la sindaca di Roma, Virginia Raggi.

"Dopo i 35 cartelloni irregolari del Municipio XI, siamo passati alla rimozione di altri 42 impianti nel Municipio II, e procediamo giorno per giorno in zone diverse della città con azioni a sorpresa, in modo da garantire la sicurezza e l'efficienza delle attività.

Per accelerare le tempistiche operative - aggiunge Raggi - abbiamo effettuato una verifica meticolosa della situazione attuale sul territorio, accertando le violazioni effettive e scremando dai verbali ricevuti tutti i casi di segnalazioni doppie, rimozioni spontanee o impugnature.

Stiamo eliminando ogni tipo di installazione non autorizzata, comprese quelle che, pur essendo regolari, risultano pericolose per gli automobilisti.

In molti casi, infatti, gli impianti pubblicitari rimossi compromettono la visibilità all'altezza di incroci e arterie di grande viabilità, "nascondono" i semafori, oppure sono così deteriorati da costituire una minaccia per l'incolumità fisica di chi passeggia.

Senza contare i benefici in fatto di decoro urbano: in questo modo restituiamo ai cittadini marciapiedi, piazze e vie della nostra città.

Non ci fermiamo e andiamo avanti con la nostra battaglia per la legalità e per il rispetto delle regole".