Roma, Raggi: fondi per servizi, parchi, mercati e telecamere

Sis

Roma, 1 ago. (askanews) - "Conti in ordine e nuove risorse per Roma. Questi sono i due punti principali della manovra di assestamento di Bilancio 2019-2021 approvata in Assemblea Capitolina nelle prime ore della mattina". Ne dà conto la sindaca di Roma Virginia Raggi su Fb. "Altri 60 milioni di euro di euro vengono destinati agli investimenti, che si vanno ad aggiungere ai fondi stanziati a inizio anno con lo #SbloccaRoma e con le successive variazioni: in totale, nel prossimo triennio, investiremo su Roma 1 miliardo e 800 milioni di euro per opere pubbliche, infrastrutture, trasporti, strade e manutenzione della città", spiega la sindaca. "Garantire la stabilità dei conti e riuscire a incrementare le risorse a disposizione del Comune e dei singoli Municipi, programmando le spese, è un risultato che fino a qualche anno fa era inimmaginabile per una città che ha ereditato dal passato 12 miliardi di euro di debiti - sottolinea Raggi -. Per questo voglio ringraziare l'assessore al Bilancio Gianni Lemmetti, le strutture di Roma Capitale, la Ragioneria e il Segretariato, i consiglieri comunali che hanno lavorato con impegno a questa manovra". "Dei 60 milioni di euro stanziati in assestamento circa 28 milioni in più andranno ai Municipi: in sostanza sono fondi per scuole e asili, strade, parchi, mercati e servizi sociali - aggiunge la sindaca -. Ricordo tra gli altri il centro anziani nel Parco delle Valli, distrutto da un incendio e che vogliamo ricostruire; le tante strade per cui saranno possibili interventi di manutenzione, tra cui via Andersen e via di Tor Vergata; la riqualificazione dei mercati, come quello Gianicolense e il Labicano; i parchi della Serenissima e di villa Celimontana e la valle dei Platani di villa Borghese. E poi vengono assicurate risorse per il Planetario e per il Teatro dell'Opera. Attenzione anche alla sicurezza con l'acquisto di telecamere "antizozzoni" per il contrasto all'abbandono indiscriminato di rifiuti e alla criminalità", conclude Raggi.