Roma, Raggi: Istituto previdenza supporta dipendenti Comune

Sis
·2 minuto per la lettura

Roma, 26 mar. (askanews) - L'Istituto di previdenza e assistenza per i dipendenti di Roma Capitale (Ipa) è pienamente operativo e sta modulando la sua azione in linea con il quadro legato al coronavirus e sulla base dei fabbisogni dei lavoratori. Lo rende noto un comunicato del Canpidoglio. "Le attività dell'Ipa sono fondamentali, a maggior ragione in questa fase di emergenza sanitaria. Stiamo quindi definendo un pacchetto integrato ad hoc di misure per tutelare i soggetti più deboli e in difficoltà e per garantire supporto medico ai nostri lavoratori. L'Amministrazione capitolina non lascia nulla di intentato" spiega la sindaca di Roma, Virginia Raggi. Il commissario straordinario, Fabio Serini, continua la nota, è al lavoro per definire una revisione del bilancio preventivo del 2020, con l'obiettivo strategico di supportare gli iscritti che stanno subendo danni a causa dell'emergenza in corso. In particolare è in elaborazione l'indicatore 'Covid Impact´, da cui deriverà un parametro che determini la sospensione tecnica - tra 3 e 6 mesi - del piano di ammortamento dei prestiti. La logica sarà quella già adottata oggi per l'Isee: si potrà usufruire di questa opzione a seconda della misurazione del danno. Appena il Governo dichiarerà la cessata emergenza, verranno riattivati i servizi sanitari assicurati dall'Istituto. È inoltre allo studio l'attivazione di una procedura che consenta di controllare il livello di immunità di ogni persona rispetto al virus. Nel frattempo verrà effettuato un controllo per rilevare lo stato degli anticorpi e per verificare se il soggetto rischia ancora di ammalarsi o meno. "L'Amministrazione capitolina e i dipendenti stanno procedendo in modo compatto e coeso, perché in questa fase così difficile il lavoro di squadra è determinante. L'Ipa sta fornendo strumenti per garantire i diritti e un sostegno effettivo e operativo a chi è stato più penalizzato dall'emergenza" commenta l'assessore al Personale, Antonio De Santis