Roma, Raggi a lavoratori partecipate: grazie ma dobbiamo risanare -3-

Sis

Roma, 16 ott. (askanews) - "Lo dimostra lo sforzo di risanamento dei conti delle stesse aziende: rimettere i bilanci in ordine significa evitare che un giorno queste azienda falliscano ed evitare quello spreco di soldi pubblici che è alla base di tanti disservizi sui quali faticosamente stiamo intervenendo. Vado al dunque. Ama è e resterà pubblica ma questa amministrazione non darà mai il proprio via libera a bilanci non veritieri ereditati dal passato. Allo stesso modo Roma Metropolitane garantirà il proseguimento dei lavori della Metro C ma non può continuare ad essere un pozzo senza fondo di risorse e denaro pubblico. Noi non mandiamo in strada nessuno, ma risaniamo aziende decotte che difficilmente starebbero sul mercato e che prima o poi presenterebbero il conto agli stessi lavoratori", continua ancora la sindaca.

"Basta un solo dato: abbiamo ereditato Atac che aveva gli autobus con l'età media più alta d'Europa ed un buco di un miliardo e trecento milioni di euro. La stiamo risanando e stiamo mettendo in salvo i posti di migliaia di lavoratori.", conclude