Roma, Raggi: in piano mobilità 38 km di metro, 58 di tram in più

Sis

Roma, 7 ago. (askanews) - Nuove infrastrutture su ferro tram e metro, piste ciclabili, nodi di scambio, trasformazione delle linee ferroviarie in metropolitane. Tutti progetti scelti e resi possibili grazie alla stesura del Piano urbano della mobilità sostenibile (PUMS), adottato pochi giorni fa dall'Assemblea capitolina. "Porre al centro le persone e offrire loro modalità di spostamento sostenibile nel rispetto delle richieste e del processo partecipativo sui territori. Questo l'obiettivo del PUMS", spiega il Campidoglio in una nota.A partire dal 2018 è partita la consultazione di cittadini, associazioni, comitati di quartiere per la condivisione dei progetti con i Municipi. "Nel piano abbiamo messo nero su bianco oltre 38 chilometri in più di rete metropolitana, comprese le ferrovie ex-concesse, 58 chilometri di rete tranviaria e oltre 290 chilometri di nuovi itinerari ciclabili. Il Pums è la visione strategica del futuro della mobilità di Roma e non solo. Obiettivo è migliorare la qualità e l'offerta del trasporto pubblico, potenziare le linee metro e ferroviarie, favorire l'intermodalità, puntare su percorsi dedicati alla mobilità dolce e sostenibile in un percorso condiviso e partecipato con il territorio", dichiara la Sindaca di Roma, Virginia Raggi.

A dicembre scorso Roma Capitale ha chiesto al ministero delle Infrastrutture i finanziamenti per sette progetti contenuti nel Pums: tre nuove tranvie; il potenziamento e l'estensione di linee ferroviarie urbane; due funivie e l'acquisto di nuovo materiale rotabile per la rete tranviaria di Roma. (Segue)