Roma, Raggi: i vigliacchi imbrattano, noi ripuliamo

Sis

Roma, 27 nov. (askanews) - "I vigliacchi imbrattano, noi ripuliamo. Perché il nostro messaggio, oggi come ieri, è chiaro: noi non ci pieghiamo. Questa notte alcuni codardi hanno imbrattato nel XIV Municipio le targhe delle strade di Roma intitolate la scorsa settimana a chi ha combattuto contro fascismo e razzismo, e che prima erano dedicate ai firmatari del 'Manifesto della razza'. Un gesto vergognoso che Roma condanna con forza". Lo scrive la sindaca di Roma Virginia Raggi su Fb. "Chi oltraggia un simbolo di memoria, democrazia e libertà nascondendosi nella notte oltraggia tutti noi - aggiunge Raggi -. Il commissariato di Polizia di Primavalle ha già aperto un'indagine e le squadre del nostro Dipartimento Decoro Urbano, hanno rimosso prontamente la vernice e ripulito le targhe. Senza memoria non c'è futuro e noi continueremo a combattere per questo".

  • Massimo Tartaglia: che fine ha fatto l’aggressore di Berlusconi
    Notizie
    notizie.it

    Massimo Tartaglia: che fine ha fatto l’aggressore di Berlusconi

    Dieci anni fa l'aggressione a Silvio Berlusconi in piazza del Duomo: Massimo Tartaglia fu arrestato per lesioni pluriaggravate.

  • Pugnalata a morte nel parco: si era opposta a una rapina
    Notizie
    notizie.it

    Pugnalata a morte nel parco: si era opposta a una rapina

    Sono in corso le indagini per la morte di Tessa Majors, pugnalata a morte in un parco di New York.

  • Feltri: "Patata bollente? Non abbiamo offeso Raggi"
    Notizie
    Adnkronos

    Feltri: "Patata bollente? Non abbiamo offeso Raggi"

    "Gentile dottoressa Raggi, sindaco di Roma, ho letto il suo comunicato in cui annuncia trionfalmente di aver ottenuto dal gup di Catania il mio rinvio a giudizio, oltre che di Pietro Senaldi, per un titolo a lei dedicato oltre due anni fa da Libero, 'Patata bollente', sopra un mio pezzo in tema assolutamente rispettoso della verità. Capisco la sua gioia nel costringere due giornalisti a rispondere del loro lavoro in Tribunale, persone non grilline e neppure smaccatamente di sinistra, quindi antipatiche e degne di fucilazione. Si dà però il caso che l’espressione 'patata bollente' sia di uso comune, tanto è vero che una femminista incallita quale Lilli Gruber dovette annunciare la proiezione su La7 di un film intitolato appunto 'Patata bollente'". Lo scrive Vittorio Feltri, in un editoriale su 'Libero' dal titolo 'Non abbiamo offeso il sindaco di Roma', rivolgendosi alla prima cittadina della Capitale. "Quanto al mio articolo rigorosamente narrativo mi sono limitato a sottolineare la stravaganza di un fatto: lei andava a parlare con un suo collaboratore, cui aveva aumentato lo stipendio, sul tetto dell’edificio comunale - prosegue - E io segnalai la stranezza della cosa affermando che a me non era mai capitato di conversare con una mia giornalista sotto le tegole. Una semplice osservazione confermata dalle cronache. Niente di male". "Scrissi che le sue supposte ed eventuali debolezze (chi non ne ha) meritassero le stesse valutazioni riservate a Berlusconi. Frase dubitativa, non assertiva. Quindi non comprendo perché lei ce l’abbia con me visto che in varie circostanze l’ho difesa da attacchi politici e personali - conclude Feltri - Io credo che certe controversie non vadano affidate alla magistratura che usa il coltello anziché il bilancino del farmacista. Se lei ed io ci fossimo parlati non saremmo arrivati a questo punto morto. Mi creda, con stima".

  • Movimento 5 Stelle, onorevoli in fuga: il tentativo di Grillo
    Notizie
    notizie.it

    Movimento 5 Stelle, onorevoli in fuga: il tentativo di Grillo

    Beppe Grillo è sceso in campo per tentare di fermare la grande fuga dal Movimento 5 Stelle senza però ottenere risultati.

  • Social in tilt: chi è il prete sexy che sta facendo impazzire i fan
    Notizie
    DonneMagazine

    Social in tilt: chi è il prete sexy che sta facendo impazzire i fan

    Un sacerdote può essere sexy? Sì, la prova è Oskar Arngarden, prete luterano della Chiesa di Svezia che sta mandando in tilt i social.

  • Investe mamma e figlio sulle strisce: 22enne torna libera
    Notizie
    notizie.it

    Investe mamma e figlio sulle strisce: 22enne torna libera

    Il bimbo di due anni investito mentre attraversava la strada è gravissimo. La 22enne fermata è tornata in libertà.

  • La regina Elisabetta ha fatto i regali di Natale: quanti e a che cifra
    Notizie
    notizie.it

    La regina Elisabetta ha fatto i regali di Natale: quanti e a che cifra

    In occasione del Natale, la regina Elisabetta non ha fatto attendere l'acquisto dei suoi regali per i residenti a Buckingham Palace.

  • Taylor Mega: “Il flirt con Flavio Briatore? Non volevo si sapesse”
    Notizie
    DonneMagazine

    Taylor Mega: “Il flirt con Flavio Briatore? Non volevo si sapesse”

    Taylor Mega ha ottenuto la fama grazie a un flirt con Flavio Briatore ma, stando a quel che dice lei, avrebbe preferito di no

  • Susanna Tamaro si ritira dalla vita pubblica: “Non ho più energie”
    Notizie
    notizie.it

    Susanna Tamaro si ritira dalla vita pubblica: “Non ho più energie”

    Susanna Tamaro ufficializza il suo ritiro dalla vita pubblica a causa della mancanza di forze sottrattegli dalla sindrome di Asperger.

  • Trump contro Macron: "Basso e rompico..."
    Notizie
    Adnkronos

    Trump contro Macron: "Basso e rompico..."

    Donald Trump deve essersela legata al dito. Il video circolato nei giorni del vertice Nato di Londra, nel quale alcuni leader internazionali, non sapendo di essere ripresi, sembravano prendersi gioco di lui, deve aver lasciato una ferita nell'ego del presidente Usa. Secondo quanto riporta in esclusiva il Daily Beast, nei giorni seguenti, nel corso di un incontro a porte chiuse alla Casa Bianca con oltre una decina di ambasciatori presso le Nazioni Unite, Trump si è preso la sua rivincita, rivolgendosi con termini poco lusinghieri nei confronti di due dei protagonisti del video, Justin Trudeau e Emmanuel Macron. Secondo quanto riferito al Daily Beast da tre fonti a conoscenza di quanto avvenuto nell'incontro alla Casa Bianca, il presidente Usa avrebbe denigrato pesantemente il premier canadese, che già aveva definito un uomo con la "doppia faccia", all'indomani del vertice di Londra. Quanto a Macron, Trump lo avrebbe definito un "pain in the ass", come dire, un "rompico...". Trump avrebbe anche sottolineato che il presidente francese è "basso", oltre a lamentarsi del suo scarso aiuto nei negoziati con l'Iran. Secondo le ricostruzioni, quella che negli ambienti diplomatici sarebbe ormai noto come il momento "hot mic" (a briglia sciolta) di Trump, è avvenuto dopo l'uscita dei giornalisti dalla sala in cui si svolgeva la riunione. E' allora che il presidente Usa si sarebbe lasciato andare ai suoi commenti, senza pensare che poi qualcuno avrebbe comunque finito per parlarne con la stampa. O forse era proprio questo il suo intento.

  • Multa a Fedez dopo le rivelazioni sul caso J-Ax e Rovazzi
    Notizie
    DonneMagazine

    Multa a Fedez dopo le rivelazioni sul caso J-Ax e Rovazzi

    Dopo le dichiarazioni su J-Ax e Rovazzi a La Confessione, Fedez potrebbe aver ricevuto una multa per aver violato un “patto di riservatezza”.

  • Notizie
    Adnkronos

    Bolli Auto nelle Agenzie di pratiche automobilistiche: dal 1° gennaio sul sistema PagoPA

    I cittadini potranno continuare a corrispondere le Tasse Auto presso gli Studi di Consulenza o Agenzie di pratiche automobilistiche, dal primo gennaio 2020 attraverso il nuovo sistema PagoPA. Con l’aggiunta di un valore consulenziale non rintracciabile presso altri punti di pagamento. Diversamente da quanto riportato da alcuni mezzi d’informazione, si potrà continuare a pagare le Tasse Auto presso le agenzie di pratiche Automobilistiche con il nuovo sistema PagoPA. Realizzato dall’AgID e previsto per legge, PagoPA è diventato velocemente il sistema unico per indirizzare i pagamenti verso la Pubblica Amministrazione. Si tratta di un sistema standardizzato e sicuro, semplice per tutti i soggetti coinvolti.  Le Agenzie hanno iniziato ad utilizzare il nuovo sistema già da gennaio 2019 per i pagamenti della Tassa Auto con moneta elettronica. Il sistema PagoPA prevede che le somme siano versate istantaneamente alla Pubblica Amministrazione e questo rappresenta una sicurezza assoluta tanto per il cittadino, quanto per la Regione o la Provincia Autonoma di riferimento.  In aggiunta, il servizio reso nelle Agenzie di Pratiche Auto ha un valore consulenziale importante grazie alla formazione specifica sulle Tasse di circolazione di tutti gli operatori aderenti ad UNASCA (Unione Nazionale Autoscuole Studi Consulenza Automobilistica). Il Segretario Nazionale degli Studi di Consulenza Yvonne Guarnerio commenta così “Nelle Agenzie associate all’UNASCA, diversamente da altri canali di pagamento sia fisici che virtuali, il cittadino può controllare la situazione pregressa dei pagamenti, sanando così eventuali problemi. Inoltre, può far aggiornare gli archivi regionali in caso di disallineamenti, ricevendo un’assistenza qualificata e professionale nella specifica normativa.” Con circa 3.400 punti, UNASCA rappresenta la principale Associazione di categoria delle Autoscuole, delle Scuole Nautiche e degli Studi di Consulenza Automobilistica (anche noti come Agenzie Pratiche Auto). Si è costituita nel 1967 senza fini di lucro ed è portavoce di una realtà occupazionale di oltre 20.000 addetti. UNASCA si pone come soggetto di riferimento per le Istituzioni nell'ambito della tutela, della riforma e della modernizzazione dei settori che rappresenta, nell'ottica di: ●Tutelare il valore e la qualità dei servizi offerti dagli operatori ●Valorizzare l'etica professionale degli associati ●Offrire un supporto concreto alla Pubblica Amministrazione nello svolgimento della sua attività ●Garantire il consumatore finale Contatti per la stampa: Sergio Cerini – s.cerini@effecicomunicazione.it - 335 695 1224

  • Notizie
    AGI

    Una sedicenne è stata violenta dai coetanei in una casa famiglia

    Una casa famiglia di Caresana, in provincia di Vercelli, è stata chiusa perché chi la gestiva non ha fatto nulla per impedire che vi fossero commessi stupri di gruppo. Con questa accusa la procura di Vercelli ha eseguito il sequestro preventivo della struttura e vietato ai cinque educatori di esercitare qualunque attività professionale a contatto con minori.Per gli inquirenti i cinque sarebbero responsabili di "condotte omissive in relazione a presunte violenze sessuali di gruppo avvenute tra le mura della struttura". Poco dopo le 8 i due pulmini della Squadra Mobile di Vercelli hanno lasciato la sede della Casa Famiglia dove restano al momento, oltre ai ragazzi ospitati, alcuni degli agenti per completare sopralluoghi e perquisizioni.Tutto è partito dal racconto di una ragazza, sedicenne, che aveva provato a riferire alle coordinatrici e agli operatori quello che stava subendo, senza che le credessero. Anzi, avevano dato a lei la colpa: "Ti vesti in modo provocante, te la vai a cercare". Per la giovane la vita dentro la comunità per minori "Casa Vittoria" era diventata un inferno: molestie, abusi sessuali, umiliazioni continue e anche botte.Fino al giorno in cui, esasperata, è dalla struttura e si erifugiata dalla sorella, cui ha raccontato tutto. È partita da qui, dalla denuncia della sorella, l'indagine condotta dagli uomini e dalle donne della seconda sezione della Squadra Mobile di Vercelli, coordinati da sostituto procuratore Davide Pretti.La ragazza ha potuto finalmente raccontare nel corso dell'audizione protetta il dramma nel quale era precipitata e per il quale i suoi aguzzini sono ora indagati, dalla Procura dei Minori di Torino, per violenza sessuale. Sono a loro volta minori: ragazzi tra i 14 e i 16 anni, tutti con un passato difficile.Secondo quanto spiegato dal magistrato nella conferenza stampa di questa mattina in Procura a Vercelli, nel registro individuale, gli operatori della Comunità avevano effettivamente annotato i racconti delle violenze, ma senza prendere alcun tipo di provvedimento e senza avvertire né i servizi sociali, né la Polizia.Eppure gli episodi si ripetevano, di notte e di giorno, come documentato anche dalle telecamere piazzate nella Casa famiglia dopo un primo accesso della Mobile. Un comportamento che è stato definito omissivo, quello tenuto dal personale: per questo la Procura ha emesso cinque misure cautelari a carico di altrettanti operatori, tutti residenti nel vercellese.I cinque, quattro donne e un uomo, tutti di età compresa tra i 28 e i 52 anni, devono rispondere di concorso omissivo in violenza sessuale di gruppo, reato che prevede pene massime superiori a 12 anni di carcere. Sono stati interdetti dalla professione e la comunità è stata posta sotto sequestro. I 6 ragazzi ospitati in una struttura in gestione a una cooperativa di Casale Monferrato, sono stati ricollocati altrove.

  • Greta Thunberg arriva a Torino per la manifestazione in Piazza Castello
    Notizie
    notizie.it

    Greta Thunberg arriva a Torino per la manifestazione in Piazza Castello

    L'attivista svedese Greta Thunberg è arrivata a Torino per manifestare a Piazza Castello in occasione del tradizionale Fridays for Future.

  • Conte: "Chi scommette su Salvini fa male i suoi calcoli"
    Notizie
    HuffPost Italia

    Conte: "Chi scommette su Salvini fa male i suoi calcoli"

    "Chi scommette su Salvini, fa male i suoi calcoli".

  • Giorgia Rossi, la gaffe al Tg5: la parolaccia in diretta tv
    Notizie
    notizie.it

    Giorgia Rossi, la gaffe al Tg5: la parolaccia in diretta tv

    Bufera su Giorgia Rossi per la gaffe in diretta tv al Tg5: la conduttrice sembra proprio aver detto una parolaccia.

  • Chi è Dick Van Dyke: curiosità sull’attore e comico
    Notizie
    DonneMagazine

    Chi è Dick Van Dyke: curiosità sull’attore e comico

    Grandi doti da attore, ballerino e cantante: l'attore statunitense Dick Van Dyke è un volto noto al cinema e alla televisione internazionale.

  • Iva Zanicchi contro Carola Rackete: “Vorrei mandarla a...”
    Notizie
    notizie.it

    Iva Zanicchi contro Carola Rackete: “Vorrei mandarla a...”

    Nel corso della rubrica Le pagelle di Iva, su rete 4, Iva Zanicchi ha espresso il proprio parere sulla capitana Carola Rackete

  • Neve, ecco le città a rischio
    Notizie
    Adnkronos

    Neve, ecco le città a rischio

    Tetti imbiancati a Torino dove, dalle prime ore della mattina, sono cominciati a cadere i primi fiocchi della stagione. Neve in pianura anche nel resto delle province piemontesi, dove si segnalano fenomeni intermittenti e di debole intensità. Dal pomeriggio, miglioramento su tutta la Regione.  Ma in queste ore, come ricordano gli esperti de 'IlMeteo.it', "un nuovo e più pesante blitz di neve è pronto a colpire il Nord portando i fiocchi fino in pianura" a causa di "una nuova perturbazione in discesa dal Nord Europa, accompagnata da gelide correnti". Le precipitazioni andranno ad intensificarsi e, sottolineano gli esperti, "viste le temperature particolarmente basse ci aspettiamo neve fino in pianura su Piemonte, Lombardia, Emilia, Veneto occidentale e settentrionale e alte pianure friulane. Fiocchi attesi anche sull'entroterra ligure, specie sul savonese e genovese, a partire dai 300 metri di quota". DOVE - "Le città a rischio neve - dove si potranno accumulare fino a 5 centimetri - sono: Torino, Novara, Alessandria, Vercelli, Milano, Varese, Bergamo, Brescia, Lodi, Pavia, Piacenza, Parma, Vicenza e Verona. Neve o neve mista a pioggia ancora possibile anche tra Bologna, Modena, Mantova, Rovigo, Padova".  E ancora: "Sulle Alpi centro-occidentali le nevicate saranno ben più copiose e abbondanti, specie su Valle d'Aosta e Piemonte, con accumuli fino a 60 centimetri oltre i 1.500 metri". E "sull'Appennino centrale, a causa del richiamo mite dei venti da Sud, la neve farà la sua comparsa solamente dai 1.,400 metri". VICENZA - Il Comune di Vicenza ha intanto fatto scattato il piano neve: attivati i primi 5 mezzi per lo spargimento del sale lungo la viabilità principale, assieme alla salatura dei punti critici, come la salita di Monte Berico, ponti, cavalcavia e sottopassi. Successivamente sono stati attivati altri due mezzi per potenziare la salatura delle strade principali in ingresso e in uscita dalla città e un terzo mezzo destinato a far fronte a segnalazioni specifiche. Il servizio Protezione civile comunale monitora l'evolversi del fenomeno che, secondo le previsione di Arpav, dovrebbe esaurirsi nel pomeriggio con accumuli minimi al suolo.

  • Scontrini falsi al Festival di Sanremo: indagati dipendenti Rai
    Notizie
    notizie.it

    Scontrini falsi al Festival di Sanremo: indagati dipendenti Rai

    Circa cinquanta persone, tra cui dipendenti Rai, albergatori e ristoratori, sono indagati per scontrini falsi in occasione del Festival di Sanremo.

  • iPhone, Mac e non solo: è ora di aggiornare
    Notizie
    Adnkronos

    iPhone, Mac e non solo: è ora di aggiornare

    Aggiornamenti Apple da fare. La società di Cupertino ha rilasciato upgrade di sicurezza "che risolvono diverse vulnerabilità in macOS, iOS, iPadOS, tvOS, watchOS, Safari, Xcode, iTunes per Windows e iCloud per Windows" fanno sapere gli esperti del CERT - Computer Emergency Response Team Italia. Aggiornamenti utili per la protezione dei sistemi operativi per Mac, iPhone e iPod touch ma anche per iPad, Apple TV, Apple Watch, Safari (browser per Mac e Windows), iTunes e iCloud. "L’aggiornamento per macOS contiene diversi fix di sicurezza che risolvono numerose vulnerabilità - di cui alcune di gravità elevata - in macOS Catalina 10.15, macOS Mojave 10.14.6 e macOS High Sierra 10.13.6". Le più gravi tra queste, si legge nel bollettino, potrebbero "consentire ad un attaccante di accedere ad aree di memoria protette, ottenere privilegi elevati, eseguire codice arbitrario sul sistema o provocare condizioni di denial of service".E ancora, l'aggiornamento per iOS e iPadOS è "disponibile per iPhone 6s e successivo, iPad Air 2 e successivo, iPad mini 4 e successivo e iPod touch 7a generazione" e contiene altri fix che "risolvono diverse gravi vulnerabilità". Il CERT raccomanda quindi di "scaricare e applicare gli aggiornamenti di sicurezza messi a disposizione da Apple il più presto possibile".

  • Francesca Pascale lancia 'I Colori della Libertà'
    Notizie
    Adnkronos

    Francesca Pascale lancia 'I Colori della Libertà'

    Finora era solo un annuncio. Quasi uno slogan. Ora, con la registrazione del 'nome', è diventato qualcosa di concreto e ufficiale. Stiamo parlando dell'associazione 'I Colori della Libertà', creata da Francesca Pascale, compagna di Silvio Berlusconi, per la tutela dei diritti delle persone Lgbt. Da sempre impegnata nella lotta per i diritti civili e la prevenzione dell'Hiv, con particolare attenzione alle famiglie arcobaleno e delle donne vittime di violenza, la fidanzata del Cav - a quanto apprende l'Adnkronos - ha deciso di uscire allo scoperto, depositando il 26 novembre scorso presso l'ufficio marchi e brevetti del Mise quello che tecnicamente si chiama la 'dicitura' 'Associazione I Colori della Libertà'.  Cinque anni prima, l'11 settembre del 2014, Pascale aveva registrato il simbolo della Fondazione 'I Colori della Libertà' con tanto di veste grafica. Nei giorni scorsi Pascale ha dato il suo sostegno al 'movimento delle sardine', che sta sfidando nelle piazze Matteo Salvini, ma non avrebbe ancora deciso se partecipare alla manifestazione di piazza San Giovanni, in programma sabato.

  • Uccide le zanzare in Uganda grazie ai suoi gas intestinali
    Notizie
    notizie.it

    Uccide le zanzare in Uganda grazie ai suoi gas intestinali

    Joe Rwamirama, 48 anni, uccide le zanzare grazie ai suoi gas intestinali: l'incredibile storia arriva dall'Uganda.

  • Veterinario confonde telefoni e sopprime cane sbagliato
    Notizie
    Adnkronos

    Veterinario confonde telefoni e sopprime cane sbagliato

    Un veterinario ha confuse i numeri di telefono dei proprietari di due cani ricoverati in una clinica e ha soppresso l'animale sbagliato

  • Elezioni in Gran Bretagna, exit poll: "Trionfo a valanga di Johnson"
    Notizie
    Yahoo Notizie

    Elezioni in Gran Bretagna, exit poll: "Trionfo a valanga di Johnson"

    Exit poll alla mano le elezioni britanniche più importanti degli ultimi decenni consegnano a Boris Johnson una larghissima maggioranza assoluta a Westminster