Roma, rapina prostituta e tenta di scappare: arrestato

webinfo@adnkronos.com
Venne ucciso il 31 luglio 2017 a Salerno, oggi sono stati individuati i suoi killer. Svolta decisiva nelle indagini dell'omicidio di Ciro D'Onofrio, il 36enne ucciso nell'estate del 2017 con colpi di pistola davanti dalla sede del distretto sanitario di Pastena, quartiere di Salerno. In tarda mattinata presso la Procura della Repubblica di Salerno si terrà una conferenza stampa nel corso della quale saranno illustrati in dettaglio i risultati delle indagini, condotte dagli agenti della Polizia di Stato della Squadra Mobile di Salerno.

Si è appartato all’interno della propria auto con una prostituta abbordata su via Salaria, ma durante il rapporto l'ha minacciata con un cacciavite per farsi consegnare i soldi, circa 70 euro, strappandole con violenza uno degli orecchini che aveva indosso. La donna è riuscita a scendere dall’auto, correndo in strada. È proprio in questo frangente che ha notato un’auto della polizia e ha chiesto aiuto. 

Gli uomini del commissariato Fidene Serpentara, a bordo dell’autoradio, si sono messi all’inseguimento del rapinatore, chiamando in ausilio anche una pattuglia del reparto volanti. Quindi, in coordinamento tra loro, gli agenti sono riusciti a sbarrare la strada al fuggitivo e a bloccare l’auto.  

L'uomo, un 50enne moldavo, è stato arrestato e dovrà rispondere di rapina aggravata. Il bottino è stato riconsegnato alla vittima, che a causa della colluttazione con l’uomo ha riportato ferite ritenute guaribili con sette giorni di prognosi.