Roma, Regolamento Comune-Sindacati fissa incentivi personale

Sis

Roma, 30 gen. (askanews) - Velocizzare e rendere più efficienti e trasparenti le procedure di gara, garantendo che vengano definite nei tempi previsti. Con questo obiettivo l'Amministrazione capitolina e le organizzazioni sindacali (Cgil, Cisl, Uil e Csa) hanno firmato congiuntamente il Regolamento per la ripartizione del fondo incentivante. "Continuiamo a mettere in campo azioni di sistema, tra loro integrate e interconnesse, per rendere sempre più funzionale, efficiente e trasparente la macchina amministrativa. Con questo Regolamento contribuiamo a rendere ancora più rapido il completamento di opere e progetti e l'affidamento dei servizi, dai più essenziali a quelli più complessi. A beneficiarne saranno, in primis, i cittadini", spiega la Sindaca Virginia Raggi in una nota. L'impianto del regolamento prevede l'attribuzione di specifici incentivi economici finalizzati a favorire l'efficienza e l'efficacia nel perseguimento della realizzazione e dell'esecuzione a regola d'arte dei lavori, servizi e forniture, nei tempi previsti dal progetto, valorizzando le professionalità interne all'amministrazione. "Si tratta di uno strumento di vastissima portata, poiché consentirà un consistente salto di qualità nell'espletamento delle gare e nell'affidamento dei servizi, tramite un forte snellimento della burocrazia. Sarà funzionale all'intento di portare a compimento i progetti secondo i tempi previsti, rendendo il personale sempre più coinvolto e motivato. Allo stesso tempo il Regolamento, tramite gli incentivi economici, rende le gare sempre più impermeabili ai fattori esterni. E' un ulteriore tassello che consente alla Pubblica amministrazione capitolina di voltare radicalmente pagina", sottolinea l'Assessore al Personale Antonio De Santis. L'incentivo complessivamente corrisposto in un anno al singolo dipendente non può superare l'importo del 50% della sua retribuzione complessiva annua lorda. Il Regolamento prevede una specifica disciplina in relazione alla riduzione degli incentivi in caso di ritardo o aumenti dei costi previsti per le opere Gli incentivi previsti dal Regolamento si applicano alle seguenti attività: programmazione della spesa per investimenti; verifica preventiva dei progetti; predisposizione e controllo delle procedure di gara e di esecuzione dei contratti pubblici; responsabile unico del procedimento (RUP); direttore dei lavori (DL); direttore di esecuzione del contratto (DEC); collaudo tecnico amministrativo o verifica di conformità; collaudo statico ove necessario per consentire l'esecuzione del contratto.