Roma, rimossa la scritta "Casapound". Raggi: "È solo l’inizio"

La sede di Casapound a Roma

La scritta "Casapound" è stata rimossa dalla facciata della sede storica del movimento di estrema destra a Roma. A toglierla, come riferisce Ansa, sono stati gli stessi attivisti in vista dell'operazione di rimozione prevista mercoledì mattina per lo scadere del tempo concesso dal Campidoglio. Poco sopra quello che resta della scritta è stato esposto uno striscione che recita: "Questo è il problema di Roma".

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Materassi e divani a Tor Pignattara, lo smaltimento è illecito

La sindaca Virginia Raggi in un tweet ha commentato così la rimozione della scritta dalla sede romana ritenuta abusiva: "È solo l'inizio. Ora va sgomberato l'immobile e deve essere restituito alle famiglie che ne hanno davvero diritto. Va ripristinata la legalità. Fino in fondo. #CasaPound".

"Questa città questa scritta non la merita. La rimettiamo quando lei non è più sindaco, cioè a brevissimo". Così uno degli attivisti di Casapound alla sindaca di Roma, Virginia Raggi, arrivata davanti alla sede del movimento di estrema destra dopo la rimozione della scritta sulla facciata. “Noi libereremo tutto quello che c'è da liberare”, ha sottolineato la prima cittadina lasciando poi, dopo poco meno di mezz’ora, la strada dove ha sede Casapound.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Antico romano dentro Fontana di Trevi