Roma, scattati controlli anti-covid nelle vie del centro

Gtu
·2 minuto per la lettura

Roma, 14 nov. (askanews) - Sono scattati a Roma i controlli speciali della polizia di Stato, per garantire il rispetto delle norme anti covid - in primis il divieto di assembramento e l'obbligo di mascherine - soprattutto nell'area del Tridente e del quartiere Prati, luoghi dove si concentrano nel week-end i turisti e chi fa shopping. E in qualche caso, per evitare la folla, come in via del Corso, sono state necessarie transenne. I controlli sono stati estesi anche alle aree verdi e lungo il litorale romano; in questo caso anche con pattuglie a cavallo e in bicicletta. Da questa mattina sono, infatti, iniziati i servizi disposti con un'apposita ordinanza dal questore di Roma, dedicata proprio al rispetto del distanziamento sociale e all'uso dei dispositivi di protezione individuale, così come previsto nell'ultimo Dpcm e concordato in sede di Comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica. Sotto particolare attenzione la zona del centro storico, il cosiddetto Tridente e l'area compresa tra via Cola di Rienzo, Viale Giulio Cesare e Piazza Risorgimento, ovvero i luoghi dove nel fine settimana si concentrano shopping e turismo. Il personale della polizia di Stato, composto da numerosi equipaggi, sia a piedi, che in auto o moto, è stato affiancato dalla polizia locale di Roma Capitale, dalla guardia di finanza, dai carabinieri e dalla protezione civile. Le pattuglie, nelle situazioni di maggior rischio assembramenti, hanno diffuso dagli autoparlanti dei veicoli messaggi pre-registrati. Per evitare che in alcune vie o piazze si potessero creare assembramenti, "l'accesso è stato filtrato o interdetto" dalle forze di polizia, anche con apposite transenne. Nel pomeriggio, infatti, a causa della folla che si stava formando sono state necessarie delle brevi chiusure all'altezza di largo Goldoni, largo dei Pontefici e piazza del Parlamento, per far defluire le persone che passavano su via del Corso.