Roma, scontri tra ultras e polizia alla festa della Lazio

Roma, (askanews) - Otto appartenenti alle forze dell'ordine feriti (contusi ma non gravi), un tifoso arrestato e altri 3 denunciati, tutti appartenenti alle frange ultras della Lazio, nei confronti dei quali verranno emessi provvedimenti di Daspo.

È il bilancio degli scontri avvenuti a Roma, la notte tra l'8 e il 9 gennaio in piazza della Libertà dove, per l'anniversario della fondazione della Società Sportiva Lazio, si stava tenendo il consueto festeggiamento, con circa 2500 persone presenti.

Secondo la Questura "poco dopo la mezzanotte un gruppo di 300 tifosi della Lazio ha iniziato a lanciare bottiglie, bombe carta, pietre e altri oggetti contro le forze dell'ordine che, per riportare la situazione alla normalità, hanno effettuato una carica di alleggerimento, usando lacrimogeni e idrante".

Tra le ipotesi di reato, per la Procura di Roma che ha aperto un'indagine sugli scontri, al momento ci sono violenza privata, lesioni e resistenza a pubblico ufficiale. Gli investigatori della Digos cercheranno di identificare gli ultras che hanno preso parte agli incidenti e saranno visionate le immagini girate dagli agenti della polizia scientifica per identificare eventuali ulteriori tifosi che hanno partecipato.