Roma, sgomberi alla sede di Forza Nuova e al Cinema Palazzo

Giulia Belardelli
·Giornalista, HuffPost
·2 minuto per la lettura

Sono in corso due operazioni di sgombero a Roma. La polizia è intervenuta per evacuare la sede di Forza Nuova in via Taranto in zona San Giovanni, e si segnala anche lo sgombero del Nuovo Cinema Palazzo, nel quartiere San Lorenzo.

La sede di via Taranto, di proprietà dell’Ater, era stata occupata nel 2016 dal partito di estrema destra che aveva lasciato la sede occupata di via Amulio a Colli Albani agli Irriducibili della Lazio, a loro volta sgomberati il 9 novembre.
Inizialmente nel locale, che conta 5 saracinesche, Forza Nuova aveva organizzato la distribuzione di generi alimentari per soli italiani. Lo scorso anno all’interno della sede del partito guidato da Roberto Fiore e Giuliano Castellino era stato creato lo ‘Skull pub’, una birreria aperta solo in orario serale. Sulla vicenda la magistratura aveva avviato delle indagini. Alcuni cittadini della zona avevano in passato anche tentato di raccogliere delle firme per sollecitare lo sgombero.

All’alba sono iniziate le operazioni di sgombero anche del Cinema Palazzo in piazza dei Sanniti, a San Lorenzo. Lo spazio, occupato dalla cittadinanza circa 10 anni fa per evitare che diventasse una sala slot e casinò, è un centro culturale e politico. A darne la notizia è stato proprio il “Nuovo Cinema Palazzo” che su Facebook ha lanciato un appello ai cittadini: “Svegliamoci Roma, Svegliamoci San Lorenzo. La prepotenza è arrivata col buio e ha occupato il Cinema Palazzo e piazza dei Sanniti. Ora sta uscendo il sole e oggi non abbiamo niente di più importante da fare che dimostrare che non ci stiamo. Portate con voi creatività, energie, forza e pazienza. Sarà una giornata lunga, abbiamo tutto il tempo di dare il nostro contributo. Da adesso in poi ci vediamo a via degli Ausoni sotto il pastificio Cerere. Ognuno di noi - conclude il post - deve dare qualcosa in modo che alcuni di noi non siano costretti a dare tutto&r...

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.